Lettera all’Ufficio Palio: “Il Niballo è una cultura che ci fa riconoscere senza conoscerci”

Una lettera indirizzata all’Ufficio Palio, ma rivolta a tutti gli amanti della manifestazione: “Abbiamo ricevuto con molto piacere, a diverse settimane dall’ultima edizione del Niballo Palio di Faenza,  questa lettera di ringraziamento.” riporta la nota dal Comune “Siamo rimasti toccati da queste riflessioni e da queste parole,  che pensiamo a molti faentini farà piacere leggere,  in queste settimane estive  che seguono il mese di giugno ed in cui è  ancora molto vivo in città il ricordo delle sensazioni che il mondo del Palio regala a tutti noi.”

La lettera sul Niballo Palio di Faenza

“Sono nata nel Rione Giallo, ma poi sono andata ad abitare nel Verde e poi nel Bianco, oggi Borgo Durbecco.  A Faenza non è come a Siena che se nasci nell’Oca, rimani nell’Oca e ti sposi con qualcuno dell’Oca. A Faenza lo spirito identitario rionale è meno rigido e lascia ampi margini di manovra, ma non c’è faentino che non abbia il cuore che batte per un Rione (il mio batte per il Giallo).
Il giorno del Palio i faentini sono tutti in Piazza o lungo il tragitto che la sfilata in costume percorre per arrivare al campo di gara e ci sono anche gli “spagogni”, quelli che considerano il Palio con sufficienza pelosa e mi prendono in giro per la mia (a loro dire) passione fanciullesca. Comunque sia, vedere la città che pulsa di persone con i colori dei Rioni è un’emozione che è difficile da descrivere: tutti quei nonni con i figli ed i nipoti vestiti con le magliette ed i foulard dei Rioni raccontano di un mondo sociale che ha retto al cambio con la generazione digitale e testimoniano che la vita rionale è viva e respira tutto l’anno. 
Io non ne ho mai fatto parte e non so davvero spiegarmi il perché. Da piccola, insieme ai bambini del cortile giocavamo sempre al Palio: i fustini del detersivo erano i tamburi, la bici il cavallo, un bastone la lancia del cavaliere, mentre alcune mamme, non senza sbuffare, ci avevano cucito dei “costumi” da abbinare alla calzamaglia e confezionato le bandiere.
Oggi ho quasi 60 anni e quando guardo a quelle foto penso a quei tempi con tenera nostalgia. Domenica 26, come tutti, ero anch’io in città a vedere la sfilata e quando ho sentito i tamburi e le chiarine del Nero suonare quel ritmo meraviglioso, mi sono commossa come sempre mi accade anche quando sento l’inno d’Italia. Ci sono simboli e momenti collettivi che ti fanno sentire parte di un sentimento comune e il Palio per i faentini è così. 
D’altro canto, la Cultura non è solo il modo in cui l’uomo sta al mondo, ma è anche quel sentimento che ci fa riconoscere senza conoscerci, quella colla invisibile che fa di persone diverse una comunità e allora, da questo punto di vista, il Palio per noi faentini è un pezzo della nostra Cultura.  
Una Cultura, che va detto, non vive dello spirito santo, ma che necessita dell’impegno e dell’opera dei tantissimi appassionati che frequentano i Rioni ed anche del Comune, naturalmente, che investe nel Palio una gran mole di risorse e di lavoro. E allora, io sento il bisogno di doverle ringraziare tutte queste persone, perché senza di voi, senza di loro,  senza quell’umanità rionale che incolla a sé pezzi di città socialmente trasversali, il Palio e tutto quel mondo che gli ruota attorno, non potrebbe mai esistere. “
(lettera firmata)

Francesco Ghini

Vivo a Faenza e mi occupo di ricerca biomedica e comunicazione scientifica. Ho conseguito un dottorato di ricerca in Medicina Molecolare presso l'Istituto Oncologico Europeo di Milano e numerose partecipazioni a conferenze internazionali come speaker. Parallelamente, ho seguito come direttore artistico la realizzazione dell'evento Estate di San Martino a Piacenza (2012 e 2013) e ho maturato una forte esperienza nell'ambito della comunicazione e dello storytelling. Nel 2014 ho aperto Buonsenso@Faenza e da questa esperienza, nel 2018, è nata l'agenzia Buonsenso Comunicazione. Amo il teatro, i film di Cristopher Nolan, i passatelli e sono terribilmente curioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.