La Bcc sostiene a sostegno dei piccoli borghi: il caso Tredozio su Rai 2 lo scorso 6 giugno

E’ andato in onda lunedì 6 giugno, nel corso della trasmissione Re Start su Rai 2 condotta dalla giornalista Annalisa Bruchi, il servizio sul concreto sostegno de La BCC ravennate, forlivese e imolese alla piccola impresa e alle famiglie del piccolo borgo di Tredozio, con l’intervista da parte della giornalista Laura Placenti all’imprenditore locale Fabio Benericetti e a Giacomo Severi, Capo Area Territoriale Faenza de La BCC.

Tredozio: la Cassa Rurale nata nel 1917

Tredozio, con i suoi poco più di 1140 abitanti e La BCC ravennate, forlivese e imolese: una storia di solidarietà e di mutualismo che ha origine nel 1917 quando fu fondata la Cassa Rurale di Tredozio, e che ancora oggi, a 105 anni di distanza, viene portata avanti dall’odierna filiale de La BCC ravennate, forlivese e imolese unica banca rimasta in città,
baluardo contro lo spopolamento e che da fiducia per il futuro. “Durante il periodo Covid le aziende, in particolare le piccole e medio imprese, clientela tipica de La BCC – specifica Giacomo Severi – hanno sofferto, come pure i loro dipendenti. La nostra banca, congelando le rate dei mutui in essere e mantenendo aperti le linee di credito e gli affidamenti, ha dato ossigeno alle imprese e, nel contempo, bloccando le rate mutui casa e dei prestiti ha dato respiro anche ai dipendenti e alle loro famiglie. Essere cooperativa di credito, essere una BCC appartenente al Gruppo BCC Iccrea significa anche fare un servizio alle comunità locali e al territorio compresi i piccoli borghi, pure quando le altre banche, seguendo dinamiche di mera convenienza economica, chiudono gli sportelli.” Lo spot del Gruppo BCC Iccrea in onda in questi giorni recita “uniti siamo ancora più unici” e “arriviamo dove gli altri non arrivano”, e ancora “reinvestiamo tutti gli utili sul tuo territorio”. Questa è l’essenza delle BCC, tante piccole banche locali e di prossimità, realmente vicine al territorio e alle comunità locali.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.