Insulti antisemiti: Isola, Cavina e tanti concittadini esprimono la loro solidarietà a Roberto Matatia

Era solo ieri, sabato 29 agosto, che pubblicavamo un editoriale relativo al fatto che ‘Quello che scriviamo online è inciso sulla pietra” e alla responsabilità che dobbiamo avere nel momento in cui lo facciamo. Purtroppo questo si conferma un tema d’attualità nella campagna elettorale faentina. Il candidato consigliere Pd, lo scrittore e imprenditore Roberto Matatia – la cui famiglia ebrea è stata vittima della Shaoh ha infatti ricevuto sulla propria pagina Facebook insulti antisemiti pubblicati da un altro faentino. Non si tratta del primo gesto di questo tipo di cui è vittima Matatia, nei mesi scorsi lo vide coinvolto un episodio in un cinema faentino nel quale alcune persone sostenevano che la ‘Shoah fosse un’invenzione’; più recentemente lo stesso Matatia aveva chiesto le scuse di un esponente della lista Fratelli d’Italia a questa campagna elettorale per le sue frasi pubblicate sui social relative alla propria famiglia ebrea. Roberto Matatia, come affermato da lui stesso, pare intenzionato a denunciare alla polizia questo episodio, ricevendo la solidarietà sia di Massimo Isola, candidato sindaco del centrosinistra, sia di Paolo Cavina, candidato sindaco del centrodestra, oltre a quella di tantissimi concittadini.

Massimo Isola: “C’è tanto da lavorare su questo tema”

«Esprimo tutta la mia solidarietà a Roberto Matatia – commenta Massimo Isola – Non è possibile che ancora oggi dobbiamo trovarci a commentare parole violente così gravi, così incivili, così offensive. Sono vicino a Roberto e sono drammaticamente colpito. Sono preoccupato, molto preoccupato. Purtroppo in Europa e in Italia assistiamo ogni giorno a fenomeni di antisemitismo. Ferite profonde per la nostra civiltà. C’ è tanto lavoro da fare a partire dalle nostre scuole per formare i cittadini del domani. Dopo lo sconforto che ci provoca vedere queste derive incivili dobbiamo reagire ed essere ancora più determinati. I valori della fratellanza, della civiltà e del rispetto vinceranno. Dobbiamo sentirci tutti coinvolti in questa straordinaria battaglia di civiltà».

Paolo Cavina: “Nella Faenza che vogliamo non c’è spazio per istigazione all’odio”

«Intendo esprimere a titolo personale e a nome di tutte le liste che compongono la coalizione da me guidata la totale vicinanza e solidarietà a Roberto Matatia e il profondo sdegno nei confronti delle ignobili parole che qualcuno ha usato sui social nei confronti dello stesso Matatia e della sua famiglia – scrive il candidato a sindaco Paolo Cavina – È triste e preoccupante pensare che nel 2020 dobbiamo ancora assistere a simili atteggiamenti, certamente frutto di ignoranza e di una intolleranza cieca, che, non possiamo nasconderlo, nascono dal clima di accesa contrapposizione e di offese gratuite che purtroppo emergono in ogni campagna elettorale. Il nostro impegno va esattamente sulla strada opposta, sulla strada della reciproca legittimazione e del rispetto personale e spero che questo sia un principio che accomunerà tutte le liste e i candidati che, qualunque programma portino avanti, sono comunque persone che si espongono e ci mettono la faccia».

«Sono fermamente convinto che nella Faenza del futuro, la Faenza che ho in mente, ci sarà una comunità aperta e coraggiosa, rispettosa delle opinioni di tutti – conclude il candidato sindaco del centrodestra – Nel nostro progetto della Faenza di domani non c’è spazio per alcun tipo di istigazione all’odio e per espressioni intollerabili di antisemitismo che condanniamo senza se e senza ma e il cui contrasto è responsabilità dell’intera società. Esprimo, infine, tutta la mia fratellanza a Roberto Matatia, al quale va il nostro più caloroso abbraccio».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.