InfinityBio vittoria al fotofinish: espugna Palermo 49 a 48

Per la seconda volta di fila Faenza riesce a spuntarla al fotofinish a dimostrazione che questa squadra oltre al talento ha anche un cuore immenso. A Palermo l’InfinityBio vince 49 a 48, resistendo ai 22 secondi di assalto finale della squadra di casa. Nel primo quarto l’InfinityBio prende subito la testa della partita con due tiri dalla lunga distanza della coppia Ballardini-Preskienyte. Palermo con calma ricuce lo strappo e a tre minuti dalla fine segna il primo vantaggio sul canestro di Miccio che firma il 12 a 11 per le padrone di casa. Il quarto si chiude in perfetta parità sul parziale di 15 a 15. L’equilibrio si mantiene anche nei primi minuti del secondo quarto, poi Faenza prova un secondo break portandosi al massimo vantaggio sul più 8 a metà tempo con i due liberi di Soglia che firma il 27 a 19. Il vantaggio viene recuperato solo in parte e Faenza va al riposo sul risultato di 31 a 26.

Secondo tempo di sofferenza per l’InfinityBio

Al ritorno dagli spogliatoi in campo c’è solo Palermo. Stringe le maglie in difesa e per Faenza è notte fonda. Ricuce lo svantaggio e con Verona a 7 dal termine effettua il sorpasso. Faenza non riesce a reagire e finisce il quarto con soli 4 punti segnati, tutti da Morsiani contro i 16 delle Palermitane che si portano sul massimo vantaggio di 7 punti sul 42 a 35. Nei due minuti di intervallo Faenza prova a scuotersi e a riorganizzare le idee. Quello che succede nel ultimo quarto ha lo stesso copione ma a parti invertite. Con due tiri pesanti di Franceschelli e Morsiani Faenza torna subito in partita sul 41 a 42 e l’incontro si trascina punto a punto fino ai minuti finali.

Simona Ballardini ‘gioca il jolly’ a 22 secondi dalla fine

A meno di un minuto dal termine Russo trova l’ennesimo vantaggio per Palermo sul 48 a 47, sul rovesciamento di fronte Ballardini si butta in mezzo all’area e seppur ben marcata da Vandenberg con una magia riesce a segnare il più 1 per Faenza sul 49 a 48. Palermo a 22 secondi dalla fine ha la palla in mano della vittoria, ma per le Faentine ci sono ancora falli da commettere prima di arrivare in bonus e Franceschelli li spende ottimamente sulla giocatrice più pericolosa Miccio, e la obbliga così a prendere un tiro ad altissima difficoltà che non arriva al ferro. Faenza vince così l’ultimo quarto per 14 a 6 e la partita di un punto sul risultato finale di 49 a 48.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.