Teresa Maria Chiara e Christian: ecco i primi nati a Faenza nel 2018

Si è rinnovata anche quest’anno la tradizione dell’“Impagliata”, ovvero la consegna da parte del sindaco di Faenza del “servizio per la puerpera” in maiolica, quale omaggio della città al primo maschietto e alla prima femminuccia nati a Faenza da famiglie residenti nel comune manfredo. Se i primi nati del 2017 furono entrambi primogeniti, quest’anno il tradizionale omaggio dell’amministrazione comunale farà bella mostra di sé a casa di famiglie numerose.

I primi nati del 2018 sono Teresa Maria Chiara Salucci e Christian Gaddoni

Teresa Maria Chiara Salucci è la prima bimba nata a Faenza nel 2018.

La prima bimba, Teresa Maria Chiara, è venuta alla luce la mattina di martedì 2 gennaio per la gioia di mamma Francine Gambaro e del papà Sergio Salucci. La famiglia è al quarto figlio. Teresa Maria Chiara è la sorellina di Giovanni, 11 anni, di Maria, 9 anni e del piccolo Antonio Josè di 6 anni. Si è invece fatto attendere due giorni in più il primo maschietto. Si tratta del piccolo Christian (nella foto di copertina, ndr), nato nelle prime ore di giovedì 4 gennaio, figlio di Annamaria Chillemi e di Matteo Gaddoni. Anche in questo caso, il piccolo Christian si aggiunge alla sorella Serena di 11 anni e al fratello Alex di 9.

Impagliata Faenza: una tradizione dal Quattrocento

L’impagliata è un servizio in ceramica costituito da diversi elementi (una “scodella per il brodo”, un “piatto portovo con il portasale” e una piccola zuppiera), sovrapposti l’uno all’altro ad incastro, in modo da formare quel complesso unico, che un tempo veniva donato alle madri faentine per il loro primo pasto a letto. La tradizione dell’impagliata che testimonia il significato della vita e la protezione che la comunità riservava alla donna-madre per tutto il periodo puerperale, è documentata a Faenza fin dal ‘400.

VIDEO / al minuto 2’50 viene raccontata l’impagliata in una bottega ceramica faentina

Impagliata: alcune donazioni celebri

Nel tempo il tradizionale servizio faentino è stata donato anche ad alcune note personalità, tra cui la principessa di Piemonte, Maria Josè di Savoia, per la nascita della terzogenita Maria Gabriella (1940), e la principessa di Galles, Diana Spencer, in occasione della nascita del primogenito William (1982). Insieme all’impagliata, alle neomamme è stato consegnato un buono del valore di 150 euro messo a disposizione dalla società Sfera che gestisce le farmacie comunali, quale contributo per le prime necessità dei neonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.