Il percorso faentino di Dino Campana passa ora anche attraverso il web

Anche Dino Campana sbarca sul web. Vi sarà capitato di trovare in giro per la città delle targhe in ceramica delle dimensioni di 70×50 centimetri, relative al poeta Dino Campana. Le quattordici insegne, progettate in occasione del centenario dei Canti Orfici (2014) e inaugurate nel settembre 2016, fanno parte del “Percorso Dino Campana”, un itinerario attraverso i luoghi della città evocati nei Canti Orfici o legati alla biografia del poeta marradese, che a Faenza dedicò pagine memorabili. Arriva ora la versione 2.0, su supporto digitale.

Un sito web per una visita virtuale comodamente da casa

Un tuffo nel passato nella Faenza di inizio Novecento. Il percorso tra le vie della città, si arricchisce ora di un supporto web. Il sito www.campanaefaenza.it è già attivo ed è possibile visitare virtualmente i luoghi campaniani attraverso immagini d’epoca e leggere o ascoltare i passi dei Canti Orfici dedicati a essi, da computer o strumenti mobile come smartphone o tablet (il sito è particolarmente adatto alla navigazione con smartphone). Il sito è stato realizzato da Stefano Drei ex docente del liceo Torricelli, con la collaborazione del direttore della Pinacoteca comunale Claudio Casadio.

Uno smartphone e un lettore QR code traghetteranno l’utente nel mondo di Campana

Oltre al sito web, sarà possibile accedere al percorso virtuale fotografando con telefono o tablet il codice a barre applicato con adesivo su ciascuno dei 14 pannelli dislocati per la città, per unire alla bellezza della passeggiata in città, l’approfondimento del sito web. “Con l’iniziativa del percorso Dino Campana interrogabile con il QR code – afferma il vice sindaco e assessore alla cultura Massimo Isola – la città di Faenza dimostra ancora una volta la sua capacità di utilizzare gli strumenti più efficienti e di sapere affrontare le sfide dell’innovazione. Non solo il percorso Dino Campana diventa più ricco di informazioni e più interessante, ma il nuovo sito dimostra quali positivi risultati possa dare anche nelle attività culturali la collaborazione tra pubblico e privato”.
“Faenza – conclude Isola – rafforza così la propria capacità di realizzare importanti percorsi culturali in modo autonomo e conferma i legami con la poesia di Dino Campana, che ormai caratterizzano in modo stabile la vita culturale e artistica della città”.

Rispondi