Il futuro che c’è: incontro conclusivo in Cna con l’assessore regionale Donini

Dopo avere messo a confronto imprese, progettisti, aziende di produzione, agenzie immobiliari, amministratori di condominio nel corso di sette incontri e due assemblee che hanno approfondito le diverse problematiche del settore, Cna si confronta con i rappresentanti delle istituzioni in merito alle proposte e alle indicazioni emerse durante gli incontri che hanno visto oltre quaranta testimonianze di imprenditori, tecnici, progettisti, amministratori, rappresentanti dei Consorzi, che hanno portato un contributo di approfondimento sulla situazione del settore. Si terrà martedì 5 febbraio, alle ore 20.30, nella sala conferenze della Cna di Faenza, in via San Silvestro 2/1, l’incontro conclusivo del progetto “Il futuro che c’è: Progettare – Costruire – Ristrutturare – Riqualificare città e territori”. Tema della serata “Proposte e indicazioni: semplificazione si può e si deve fare”. Nel corso della serata interverranno Roberto Belletti, responsabile Cna Costruzioni Ravenna; Walter Alessandrelli, presidente Cna Costruzioni Ravenna; Marco Calderoni, presidente provinciale Collegio dei Geometri; Giovanni Malpezzi, sindaco di Faenza, presidente dell’Unione dei Comuni; Raffaele Donini, assessore regionale alle Infrastrutture e alla Programmazione territoriale; Massimo Mazzavillani, direttore della Cna di Ravenna.

Ospite l’assessore regionale alle Infrastrutture Raffaele Donini

«Gli anni della crisi hanno segnato profondamente il sistema imprenditoriale che opera nel comparto delle costruzioni – scrivono gli organizzatori – sono fallite aziende che avevano mercato nazionale, trascinando con loro molte imprese artigiane, accentuando così la crisi di un settore che resta però importantissimo nello sviluppo della economia locale. La crisi immobiliare, unitamente al blocco dei lavori pubblici, ha determinato un arretramento di tutto il comparto delle costruzioni, con moltissime imprese che hanno cessato l’attività e ridotto drasticamente il numero degli occupati».

Evento conclusivo al termine di 8 incontri di Cna

Gli otto incontri che la Cna ha organizzato nell’ambito del progetto “Il futuro che c’è – Progettare – Costruire – Riqualificare città e territori”, parte da queste considerazioni, con l’obiettivo di portare un contributo di proposte che possono essere utili alla ripresa di un comparto che deve tornare a essere al centro dell’attenzione nell’attività delle istituzioni e nelle scelte economiche del territorio, a partire dalla semplificazione a lungo invocata e sempre più necessaria.

Non sono mancati i riferimenti al tema degli appalti nell’affidamento dei lavori che vengono messi a bando e per i quali occorre la massima attenzione affinché siano valorizzate le professionalità che sanno esprimere le imprese locali, superando il sistema del massimo ribasso. Affrontato anche il tema dei lavori pubblici e degli interventi necessari allo sviluppo del territorio faentino e della provincia di Ravenna: Casello A14, Circonvallazione di Castel Bolognese, E45.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.