Giornata del Ricordo, le iniziative a Brisighella

La sezione Anpi “Giuseppe Bartoli” di Brisighella ha deciso di commemorare la Giornata del Ricordo con una serie di iniziative per far conoscere e comprendere questa triste pagina del nostro passato. L’Istituto Comprensivo di Brisighella nella sede di piazzetta Pianori 4 ha concesso l’atrio per l’allestimento della mostra documentaria in dieci pannelli (dimensione 100 cm x 70) dal titolo “Fascismo, foibe, esodo”, preparata dalla Fondazione Memoria della Deportazione, che illustra gli accadimenti sul nostro confine orientale dal 1918 al 1950. La mostra aperta al pubblico rimarrà fruibile da lunedì 10 a sabato 29 febbraio e osserverà i seguenti orari: da lunedì al sabato ore 9-13 e nei pomeriggi di lunedì, mercoledì e giovedì dalle ore 14-17.

Il film Red Land alla sala Cicognani

Lunedì 10 febbraio, alle 20.30, nella sala polivalente Cicognani, via Pascoli,1, a memoria del tragico passaggio storico delle Foibe, si terrà la proiezione del film “Red Land” Rosso Istria. Estate del 1943. Il 25 luglio Mussolini viene arrestato e l’8 settembre l’Italia firma quell’armistizio separato con gli angloamericani che condurrà al caos. L’esercito non sa più chi è il nemico e chi l’alleato. Il dramma si trasforma in tragedia per i soldati abbandonati a se stessi nei teatri di guerra ma anche e soprattutto per le popolazioni civili Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate, che si trovano ad affrontare un nuovo nemico: i partigiani di Tito che avanzano in quelle terre, spinti da una furia anti-italiana. In questo drammatico contesto storico, avrà risalto la figura di Norma Cossetto, giovane studentessa istriana, laureanda all’Università di Padova, barbaramente violentata e uccisa dai partigiani titini avendo la sola colpa di essere italiana e figlia di un dirigente locale del partito fascista. La visione del film è consigliata per un pubblico di età non inferiore a 13 anni.

Le serate promosse dall’Anpi

L’Anpi organizza altre due serate di approfondimento che si terranno a Brisighella nel circolo Arci “Ambra” in via Barduzzi 11. Mercoledì 19 febbraio ore 20.30 avremo la proiezione del documentario storico “Fascist Legacy” (L’eredità del fascismo) sui crimini di guerra commessi dagli italiani durante la Seconda Guerra Mondiale, con la regia di Ken Kirby e prodotto dalla Bbc nel 1989. Venerdì 21 febbraio ore 20.30 si terrà la conferenza “Non si può tagliare la storia a fette” da parte del prof. Gabriele Bassani che contestualizzerà gli avvenimenti partendo dal nazionalismo serbo/italiano dalla metà del 1800, la spartizione dei territori dopo la I Guerra Mondiale, l’acuirsi del nazionalismo perpetrato dal regime fascista prima e durante la II Guerra Mondiale.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.