La Lega si prepara alle amministrative, Padovani: “Vogliamo cambiare l’Unione”

Conquistare più amministrazioni possibili per puntare a un rinnovamento (se non, addirittura, a uno scioglimento) dell’Unione dei Comuni della Romagna faentina. E’ questo uno degli obiettivi della Lega, che sta definendo in questi giorni la lista dei candidati sindaco di Centro destra da proporre nei 14 Comuni che andranno al voto nella prossima primavera in provincia di Ravenna. In particolare, l’Unione della Romagna faentina vede il rinnovo di ben quattro amministrazioni tutte a guida Centro sinistra: Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo. Al momento, per l’area di Centro destra, solo Jacopo Berti è stato ufficializzato e corre per Castel Bolognese, mentre per Brisighella si ipotizza il nome di un civico, Graziano Brunetti, a Casola Oriano Casadio e a Solarolo Giovanni Barnabè – già sfidante di Fabio Anconelli nel 2009. Ma, come scritto, manca ancora l’ufficialità. «Entro fine mese avremo i nomi di tutti i candidati sindaco che appoggeremo, sia come Lega sia come civici – spiega Gabriele Padovani, capogruppo Lega in consiglio comunale a Faenza – Siamo molto ottimisti visto anche l’esito dei risultati delle elezioni politiche del 4 marzo scorso, ma quando si parla di elezioni amministrative di piccoli Comuni è difficile fare pronostici». Anche perchè in questi Comuni non è previsto il ballottaggio, e si viene eletti direttamente.

Il Centro destra punta a conquistare tre Comuni nel 2019

Uno degli obiettivi su cui punta la Lega è quella di modificare la governance dell’Unione dei Comuni, se non addirittura scioglierla. «Nel caso conquistassimo tre Comuni quest’anno e Faenza nel 2020 ci sarebbero i presupposti per sciogliere l’Unione – prosegue Padovani – Anche chi sta governando adesso ha capito che l’Unione, così come è impostata, non va bene. In ogni caso, in futuro si creerebbero poi diversi problemi di gestione con, per esempio, un presidente dell’Unione di Centro destra e suoi assessori di Centro sinistra. Per come la vedo io, l’Unione può andare bene per intercettare bandi e promuovere turismo, non di più. Anche i presunti ‘risparmi’ portati dall’Unione non sono mai stati ben definiti».

A Castel Bolognese duello tra due under 30: Jacopo Berti e Luca Della Godenza

Sociale e sicurezza: sono questi gli obiettivi comuni su cui la Lega punta nelle diverse realtà territoriali. «In particolare – specifica Gabriele Padovani – tengo molto a Castel Bolognese e alla candidatura di Jacopo Berti, che oltre a essere un collega molto competente è anche un amico. Ho buone sensazioni anche su Solarolo, che potrebbe essere una sorpresa. Brisighella è molto più difficile da pronosticare». A Castel Bolognese il 26enne candidato del Carroccio se la dovrà vedere con un altro giovane candidato, l’attuale vice sindaco Luca Della Godenza, annunciato nei giorni scorsi dalla lista civica Democratici per Castello. Anche il Movimento 5 Stelle potrebbe proporre un nome per Castel Bolognese. Gli altri candidati sindaco definiti dal Centro sinistra sono Angela Esposito per Brisighella e Stefano Briccolani per Solarolo (entrambi attuali vice sindaco), mentre a Casola il Pd ha scelto l’attuale assessore al Bilancio, Ambiente e ai Servizi sociali Marco Unibosi. 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.