Tentano di rubare del rame, blackout irriguo alla Centrale di San Silvestro

Nella notte fra il 22 e il 23 luglio 2019 c’è stato un tentativo di furto nella Centrale irrigua San Silvestro di Faenza (visibile anche dall’autostrada A14, nei pressi del centro commerciale Le Maioliche). I ladri, presumibilmente, hanno tentato di rubare il rame presente all’interno dei cavi e delle apparecchiature. Messi in fuga dall’allarme e dall’arrivo della vigilanza, non sono riusciti a compiere il misfatto, ma hanno arrecato parecchi danni alla struttura e soprattutto causato il blocco dell’impianto di pompaggio in un periodo strategico per l’agricoltura, in quanto è in corso la massima richiesta d’irrigazione, soprattutto per l’actinidia molto presente nella zona. La Centrale serve due distretti irrigui a monte del Cer (Canale Emiliano Romagnolo), fornendo acqua attraverso condotte in pressione.

I danni sono stati risolti in 18 ore: si temeva il blocco dell’irrigazione previsto fino a una settimana

I tecnici del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale, che ha in gestione la struttura e la relativa rete irrigua, sono intervenuti nel pieno della notte attivando tutte le procedure e tutto il personale interno ed esterno disponibile per riattivare la Centrale. In “sole” diciotto ore ininterrotte di lavoro, verso le 18.30 di martedì 23 il Consorzio è riuscito a fornire nuovamente acqua alle 150 aziende, per un totale di circa 900 ettari, che erano rimaste coinvolte in questo blackout irriguo. In considerazione degli ingenti danni era inizialmente stimato un blocco dell’irrigazione di 4 – 7 giorni per ripristinare cavi e apparecchiature e questo avrebbe comportato danni irreparabili all’agricoltura del territorio. Fortunatamente, uno straordinario sforzo organizzativo ha consentito di ridurre al massimo, oltre le più ottimistiche previsioni, i tempi dell’intervento.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.