Festival del dialogo interreligioso a Faenza: si parte il 27 ottobre con la Camminata del dialogo

“Non c’è futuro senza fratellanza e solidarietà” è il titolo del secondo festival itinerante del dialogo interculturale e interreligioso, che vedrà lo svolgersi di diverse iniziative sul territorio faentino. Le prime di queste si terranno domenica 27 ottobre: vi sarà la “Camminata del dialogo” di 5,5 km che partirà alle ore 16.45 dal Centro di Cultura Islamica e transiterà davanti a diversi luoghi di culto dove ciascuna comunità religiosa consegnerà ai partecipanti un segnalibro da loro scelto e personalizzato. L’arrivo sarà in piazza del Popolo alle 18. Qui, dalle ore 17, suonerà il gruppo pop rock Onde Radio e saranno presentate testimonianze di dialogo e si commenteranno brani tratti dal “Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune” firmato da papa Francesco e dal grande imam di Al-Azhar. Al termine si condivideranno cibi preparati dalle diverse comunità.

La camminata del dialogo è organizzata insieme alle società podistiche faentine tra cui “Atletica 85”, il gruppo podistico “Le Linci”, “Dinamo podistica”, i volontari di “Faenza passo dopo passo” in stretta collaborazione con gli assistenti civici e i volontari della protezione civile. Si ringrazia chi vorrà contribuire alla buona riuscita dell’iniziativa portando dolci o torte salate da condividere (si raccomanda di specificare gli ingredienti utilizzati). Per info: Marco – cell. 339 8422342

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.