Nei primi 5 mesi del 2018, oltre 23mila turisti arrivati a Faenza

Una città nella città: è quella dei turisti provenienti da tutto il mondo che hanno scelto Faenza come meta delle proprie vacanze. Una ‘città’, composta da lingue e nazionalità diverse, che ogni anno cresce sempre di più: dopo aver ufficializzato nelle scorse settimane i dati turistici 2017, i primi cinque mesi del nuovo anno registrano già numeri molto positivi per il comprensorio faentino. E il 2018 sembra poter registrare nuovi record dato che tra agosto e settembre l’evento Argillà porterà numerosi visititatori alla mostra mercato internazionale della ceramica. Stando ai dati riportati dall’Ufficio Statistica regionale, a Faenza, da gennaio a maggio 2018, gli arrivi sono stati complessivamente 23.022 (+7,9%), mentre le presenze – ossia il numero di notti per turista trascorse nelle strutture ricettive – sono stimate in 60.071 (+11,5%). Una prima parte dell’anno dunque molto positiva, largamente superiore ai dati generali della provincia di Ravenna, che vede gli arrivi crescere del 2,8% e i pernottamenti del 6,9%.

A Faenza da gennaio a maggio, arrivi +7,9% e presenze +11,5%

Meno turisti interni dall’Emilia-Romagna e più dalle grandi regioni italiane, forte incremento di arrivi dalla Germania e dal Regno Unito, mentre continua il calo dei cinesi: sono queste alcune indicazioni fornite dai dati elaborati dalla Regione. Con il 20% di turisti provenienti al di là delle Alpi, Faenza si conferma una meta turistica che vuole sempre di più distinguersi nelle opzioni del mercato internazionale: tra tedeschi, francesi e giapponesi in tutto sono stati oltre 4.500 i turisti stranieri arrivati a visitare la città dei Manfredi, per un totale di quasi 15mila pernottamenti nelle strutture alberghiere ed extra alberghiere. Ma anche i turisti italiani non disdegnano Faenza come tappa dei propri viaggi, magari come meta intermedia prima di arrivare in altre città come Bologna, Venezia o Firenze. I turisti italiani arrivati a Faenza sono stati finora 18.397 (+8%). In attesa di verificare il periodo estivo, il mese preferito per visitare la città è maggio, che ha accolto – tra italiani e stranieri – 4.419 turisti, anche se la crescita maggiore rispetto al 2017 si è avuta a marzo (+14,3%).

Turisti stranieri: crescono tedeschi e inglesi, calano russi e cinesi

Per quanto riguarda i turisti italiani, se diminuiscono i visitatori provenienti da città vicine o dall’Emilia-Romagna in generale (-8,2%), crescono i numeri delle altre maggiori regioni italiane: Lombardia (+4,2%), Toscana (+26,3%), Veneto (+10,9%), Lazio (+16,5%).

Per quanto riguarda i turisti internazionali, a fare la parte del leone in questi primi mesi del 2018 sono i turisti tedeschi: a Faenza ne sono arrivati 644 (+20,4%), duecento in più dei francesi che si fermano a 441 (+17,9%). In calo invece gli spagnoli (187, -18%), mentre la crescita maggiore tra i Paesi europei si registra con i turisti inglesi, arrivati in 425 (+51,2%) a visitare le bellezze di palazzo Milzetti, del Mic o semplicemente per gustarsi un cappucino in piazza del Popolo. Da segnalare, per quanto riguarda i pernottamenti nelle strutture ricettive, la crescita dei turisti provenienti dalle repubbliche scandinave: finlandesi, svedesi e danesi cercano magari, nel periodo invernale-primaverile, un po’ di sole e clima temperato nel Bel Paese e anche a Faenza.

Il 20% dei turisti arrivati a Faenza proviene dall’estero

In attesa di Argillà Italia, i turisti russi al momento sono in calo e non arrivano alle cento unità (95, -15,9%), così come in diminuzione sono i cinesi (-30,3%) che anche l’anno scorso registrarono un calo, mentre dati positivi provengono dagli afflussi da Usa, Giappone e India.

Allargando lo sguardo sull’Unione della Romagna faentina, saldi positivi si hanno a Brisighella (+3% presenze turistiche) e soprattuto Riolo Terme (+29,6%), che anche nel 2018 sembra confermare crescite attorno al 30%. Nel periodo considerato dall’Ufficio di Statistica, le strutture alberghiere faentine hanno guadagnato finora il 13,9% di pernottamenti, mentre bad & breakfast o agriturismi il 7,1%. Complessivamente nel 2017 furono 57.384 i visitatori arrivati a Faenza, i prossimi sette mesi forniranno nuove indicazioni su come e da dove si muove questa ‘città’ di turisti nella città.

Samuele Marchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.