Il 4 novembre Faenza omaggia i caduti della 1^ Guerra Mondiale

Celebrazioni, conferenze e mostre per non lasciare nel silenzio i tanti faentini caduti nel corso del primo conflitto mondiale. Sabato 4 novembre si celebra in tutta Italia la Giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate. L’Amministrazione comunale faentina, nel ricordo del sacrificio degli italiani che nella Prima guerra mondiale (1915-1918) combatterono per la riunificazione e l’indipendenza della nazione, ha promosso un programma di celebrazioni che vuole rendere omaggio a tutte le vittime di guerra, sia soldati che popolazione civile.

La celebrazione alle ore 11 nella chiesa dei Caduti

Si incomincia sabato 4 novembre, alle ore 11, nella chiesa dei Caduti (San Bartolomeo, in corso Matteotti), il vescovo della diocesi di Faenza e Modigliana, monsignor Mario Toso, celebrerà una messa di suffragio, alla quale presenzierà anche il sindaco Giovanni Malpezzi. Al termine della funzione religiosa autorità civili, militari e religiose, si recheranno al cimitero dell’Osservanza per rendere omaggio (alle ore 11.45 circa) alle tombe dei soldati caduti durante la Prima guerra mondiale. Nella chiesa dei Caduti e al cimitero saranno presenti anche rappresentanti delle Forze armate, della Croce Rossa italiana, delle Associazioni d’arma e combattentistiche, delle Associazioni partigiane e di volontariato.

La chiesa di San Bartolomeo è un edificio fra i più antichi in Faenza, risalente ai primi del XIII secolo e conservante parte delle strutture originarie. Restaurato dopo la I Guerra Mondiale, è stato dedicato ai Caduti di tutte le Guerre. La chiesa è importante come esempio di quell’architettura romanica quasi standardizzata che fra XII e XIII secolo vide diverse realizzazioni assai simili tra loro e di cui restano questa e l’identica San Lazzaro sulla via Emilia. Di San Bartolomeo si conosce la data esatta di fondazione, tramandata da un’antica iscrizione: 1209.  I restauri del primo dopoguerra hanno prodotto il radicale rifacimento della facciata e di altre parti, ben riconoscibili per il colore più chiaro e la superficie più netta del laterizio. Oggi questo edificio, gradevolmente incorniciato da pochi ma pregevoli alberi (tassi, cipressi, agrifogli) è Tempio dei Caduti di Tutte le Guerre.

Il 4 novembre inaugura la mostra Da Caporetto al Piave a Palazzo Esposizioni

Sempre nella giornata di sabato 4 novembre sono inoltre previsti altri due eventi a Palazzo Esposizioni, inseriti anche nel programma della Fiera di San Rocco: alle ore 16.30 la conferenza di Enzo Casadio “Faenza nella Grande Guerra”; alle 17.30 l’inaugurazione della mostra “Da Caporetto al Piave”, con fotografie, giornali d’epoca e cimeli sulla Prima guerra mondiale. Fra gli eventi collaterali da segnalare, ancora, venerdì 10 novembre, alle ore 20.45, al Museo del Risorgimento e dell’età contemporanea (corso Garibaldi 2) la conferenza dello storico Paolo Carraro: “Caporetto, dalla sconfitta alla vittoria”. Infine, sabato 16 dicembre, alle ore 21, al teatro Masini l’opera “Fior di patria fior d’amor” rappresentata dalla Modern Sarti Ensemble della scuola di musica Sarti.

Rispondi