Trasporti, Dino Campana e Lamone: nuove sinergie in campo dai sindaci di Faenza e Marradi

Il sindaco di Faenza Massimo Isola si è incontrato nei giorni scorsi a Palazzo Manfredi con il collega di Marradi, Tommaso Triberti e la vicesindaca del comune collinare Vittoria Mercatali. Marradi, benché comune della provincia di Firenze, da sempre, ha contatti con il ravennate e in particolare con Faenza, dove moltissimi residenti del comune sull’Appennino Tosco-Romagnolo lavorano e studiano. L’incontro, oltre a essere l’occasione per l’amministrazione di Marradi per portare i saluti al neo sindaco di Faenza, Massimo Isola, è stata anche momento di confronto su temi condivisi tra i due comuni.

Necessari alcuni aggiustamenti del servizio Marradi-Faenza

Primo punto trattato è stato quello dei trasporti ferroviari tra Marradi e Faenza. Ogni giorno centinaia di persone, tra studenti e pendolari di Marradi e delle sue frazioni, usano il treno per raggiungere Faenza. A essere approfondite sono state le potenzialità del collegamento e alcuni aggiustamenti nel servizio offerto dalle Ferrovie che, come evidenziato da Triberti «in questo particolare periodo di emergenza sanitaria soffre, più del solito, di problemi di puntualità».

Il poeta dei Canti Orfici che unisce le due città

Si è poi parlato del poeta Dino Campana, originario di Marradi ma con salde radici a Faenza. Su questo tema si sono affrontate le opportunità turistiche che potrebbero nascere, sia per Marradi ma anche per Faenza, dal recupero della casa natale del poeta, alle porte della cittadina collinare. Sempre in ambito turistico, Triberti, nella veste di delegato al turismo per la Città Metropolitana di Firenze, i due amministratori hanno si sono confrontati sul programma di Dante 2021, nei 700 anni dalla sua scomparsa, relazionandosi sui diversi eventi in programma, occasioni uniche per promuovere un “turismo slow”, vocato alla ricerca dell’autenticità delle tradizioni delle nostre colline. Tra le opportunità turistiche per assegnare a Faenza un ruolo da protagonista nelle celebrazioni del 2021 quelle offerte del Treno di Dante. Il sindaco Massimo Isola, dal canto suo, ha sottolineato alcune iniziative in cantiere a Faenza sul tema dantesco; una mostra fotografica sul poeta, a novembre di quest’anno, nel Salone delle Bandiere e una serie iniziative nel 2021.

Si è progettata la realizzazione di un nuovo invaso nella Valle del Lamone

Su un aspetto più puramente tecnico, fondamentale per la difesa del territorio della Valle del Lamone, invece i due amministratori si sono confrontati sul progetto per la realizzazione di un nuovo invaso, a servizio del Lamone, nel territorio di Marradi, opera idraulica che rappresenterebbe una importante riserva d’acqua, utile anche nella gestione delle problematiche connesse alle piene del fiume. «Un incontro proficuo – hanno dichiarato Tommaso Triberti e Massimo Isola – per continuare la collaborazione tra l’Unione della Romagna Faentina, Faenza e Marradi, territori confinanti e con moltissimi temi che li accomunano».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.