Elezioni a Brisighella, Casola, Castel Bolognese, Solarolo: i risultati

+++ in aggiornamento +++

Si stanno completando gli scrutini dei quattro Comuni al voto – tutti di centrosinistra – nella Romagna faentina per le elezioni europee e comunali del 26 maggio 2019. Per quanto riguarda il voto europeo, in tutti i quattro Comuni avanti la Lega sul Pd, con massima forbice di 14 punti percentuali a Brisighella. L’analisi del voto cambia però passando alle selezione dei candidati a sindaco: il centrodestra conquista Brisighella, ma Casola Valsenio, Castel Bolognese e Solarolo rimangono al centrosinistra.

A Faenza, dove si votava solo per le europee, il Pd è avanti di tre punti percentuali sulla Lega (34,78% – 31,61%), ma complessivamente il centrodestra supera il 40%: il dato dei Comuni della Romagna faentina è comunque un test importante in vista delle amministrative di Faenza 2020. In attesa di questa data, l’attuale Unione della Romagna faentina è ora composta da cinque sindaci di centrosinistra e uno di centrodestra (Pederzoli).

Riflettori anche su un altro Comune vicino a Faenza: quello di Modigliana, che passa dal centrodestra al centrosinistra con Jader Dardi.

Brisighella: Pederzoli è il primo sindaco di centrodestra della Romagna faentina

massimiliano pederzoli
Massimiliano Pederzoli.

Erano 6.086 i cittadini chiamati alle urne: a Brisighella l’affluenza è stata del 71,95% (4.379). La sfida vedeva sulla scena l’attuale vicesindaco Angela Esposito (centrosinistra) contro Massimiliano Pederzoli (centrodestra).

Il centrodestra espugna Brisighella. Guardando al dato delle europee – dove c’erano quasi 600 voti di differenza – si poteva pensare a un maggiore scarto tra i due candidati a sindaco: alla fine saranno invece solo 169 i voti di differenza. A Brisighella Pederzoli conquista il 52,02% (2.178 voti), Esposito arriva al 47,98% (2.009 voti). Massimiliano Pederzoli è quindi il primo sindaco rappresentante del centrodestra a far parte dell’Unione dei Comuni della Romagna faentina. «Non posso nascondere il dispiacere per il risultato, soprattutto giunto sul filo di lana – commenta i risultati Esposito – Ho immediatamente telefonato al mio avversario per congratularmi con lui e augurargli buon lavoro per il mandato che lo aspetta». Sul futuro dice: «Siamo una squadra e continueremo, anche all’opposizione, a fare squadra tutti insieme per il bene di Brisighella».

«Per noi è un risultato storico – commenta Pederzoli – la differenza rispetto ai risultati degli altri Comuni dell’Unione (dove ha vinto il centrosinistra, ndr) l’ha fatta una squadra variegata e veramente rappresentativa del tessuto sociale. Mi sono sentito per messaggio sia con De Pascale sia con Malpezzi: anche nell’Unione dei Comuni (dove sarà l’unico primo cittadino di centrodestra, ndr) il mio obiettivo sarà tutelare gli interessi dei miei concittadini e lavorerò assieme agli altri sindaci in tal senso. Deve prevalere il senso delle istituzioni. Ora lavoreremo per fare a Brisighella quello che non è stato fatto in passato».

Europee

Per quanto riguarda le elezioni europee, avanti Lega al 41,25% (1.738 voti), seguita dal Pd al 27,75% (1.169 voti). Il Movimento 5 Stelle ottiene il 10,92% dei voti; a seguire Fratelli d’Italia (5,46%) davanti a Forza Italia di quaranta voti (4,56%). Poi Europa Verde (2,82%) e +Europa (2,16%).

Casola Valsenio: vince Sagrini con il 59%

Giorgio Sagrini Casola
Giorgio Sagrini.

Poco più di 2.000 cittadini chiamati al voto. Il 76,42% degli elettori si è presentato ai seggi di Casola Valsenio per le amministrative, che vedevano sfidarsi ben tre candidati.

Torna sindaco di Casola Valsenio Giorgio Sagrini con il 59,36% di preferenze (910 voti). “Alternativa per Casola” è la lista che arriva seconda con il 37,70% (578 voti) aggiungendo solo 20 voti in più a quanto ottenuto dalla Lega nelle europee; mentre “Futuro e tradizione per Casola” rimane molto distaccata al 2,94%.

Europee

Per quanto riguarda le europee 2019, sono una trentina di voti a separare Lega e Pd: avanti Lega con il 35,87% (551 preferenze), seguito dal Partito Democratico con il 34,64% e 532 preferenze. Il Movimento 5 Stelle al 10,74% (165 voti), Forza Italia 5,01%,  Fratelli d’Italia 3,45%. Partito Comunista al 2,34%.

Castel Bolognese: vince Della Godenza

Luca Della Godenza.

In 7.258 chiamati al voto, con Castel Bolognese che ottiene un’affluenza del 73,63%. A contentendersi la successione di Daniele Meluzzi erano i giovani Luca Della Godenza (centrosinistra) e Jacopo Berti (centrodestra) con Loretta Frassineti (Movimento 5 Stelle) possibile outsider.

Non riesce l’exploit della Lega – che lo stesso giorno ottiene quasi 300 voti in più del Pd nelle europee – nel Comune di Castel Bolognese: Luca Della Godenza è il nuovo sindaco con il 46,02% di preferenze (2.371 voti): Jacopo Berti si ferma dieci punti percentuali sotto al 36,51% (1.881, una cinquantina in più rispetto a quanto preso dalla Lega nelle elezioni europee). Più distaccata Frassineti (17,47%, 900, duecento voti in più su quello raccolto dai 5 Stelle nelle europee). «Ho già chiamato Luca Della Godenza per complimentarmi – commenta i risultati Jacopo Berti – da parte mia non ho nulla da recriminarmi, credo di avere fatto una campagna pulita e con belle idee. Ringrazio tutti i ragazzi della mia lista e tutti coloro che ci hanno fatto vivere un bel sogno aiutandoci e supportandoci».

Europee

Alle europee la Lega (35,50%, 1.836 votanti) sopravanza di quasi 6 punti percentuali il Pd (29,91%, 1.547 votanti). Segue il Movimento 5 Stelle con il 13,81% (714), poi Forza Italia (6,96%), Fratelli d’Italia (4,60%) e +Europa (2,40%).

Solarolo, Briccolani ottiene la ‘promozione’ a sindaco

Stefano Briccolani.

A eleggere il nuovo sindaco si sono presentati a Solarolo il 73,79% degli aventi diritto (2.495 votanti su 3.381). Sfida a tre, come per Casola, in questo Comune: Briccolani (centrosinistra), Tampieri (centrodestra) e Vignando (lista civica).

Anche in questo caso, il Comune l’amministrazione resta di centrosinistra con Stefano Briccolani (52,15%, 1.249 voti) che passa dal ruolo di vicesindaco a quello di primo cittadino. Seconda forza politica è quella di Elisabetta Vignando (28,94%, 693 voti), terzo posto per Renato Tampieri (18,91%, 453 voti). «Sono orgoglioso del modo con cui i miei concittadini hanno fatto la loro scelta, verificando con attenzione la qualità delle persone e dei programmi – dichiara Briccolani – Lo scenario uscito dalle Elezioni europee ha dato un quadro politico ben diverso dal risultato delle amministrative, e la nostra netta vittoria dimostra che al centro della politica locale ci sono prima le persone e poi i partiti. Ora, a partire da domattina, faremo la cosa per cui ci siamo impegnati prima di tutto: lavorare, lavorare, lavorare, per una cosa sola: i 4.500 solarolesi».

Europee

Lega avanti al 36,21% e 865 voti, segue il Partito Democratico con il 32,61% dei voti (779). Terzo posto per il Movimento 5 Stelle con il 10,38% (248). A seguire Forza Italia (5,90%), Fratelli d’Italia (4,69%) e +Europa (2,26%).

Modigliana passa al centrosinistra con Jader Dardi

Jader Dardi.

Un Comune vicino a Faenza è quello di Modigliana, che rientra nella provincia di Forlì-Cesena: qui, quando manca una sezione da scrutinare, Jader Dardi (centrosinistra) è avanti con il 42,92% (1.113 voti). Seconda Chiara Bonfante (centrodestra) con il 39,14% (1.015 voti), terza Maria Cristina Rossi (lista civica) con il 17,93% (465 voti). Gli elettori del Comune erano 3.737, di cui i votanti sono stati 2.701 (72,28%).

«Voglio ringraziare tutti i cittadini di Modigliana che ci hanno dato fiducia – commenta Dardi – e ci hanno assegnato la responsabilità del governo di questo Comune per i prossimi anni. Vogliamo fare bene per questa comunità».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.