Donne antifasciste, 5 storie faentine alla Bottega Bertaccini

La storia di cinque donne per mantenere viva la coscienza storica di cosa significava essere antifascisti nell’epoca del Ventennio. Venerdì 17 novembre 2017 alle ore 21, Mattia Randi presenta il suo libro “Donne antifasciste – Cinque storie faentine” (edizioni La Lampada). All’incontro partecipano anche Angelo Emiliani e Franco Conti, presidente del Centro residenziale Ca’ di Malanca. L’evento, che si terrà alla Bottega Bertaccini di Faenza, è in collaborazione con l’Anpi di Faenza.

Tra le 5 donne Carmen Emiliani, moglie di Pietro Nenni

Il testo “Donne antifasciste” nasce da una ricerca trasversale dell’autore. Consultando infatti i materiali del Casellario Politico Centrale alla ricerca di dati su alcuni antifascisti faentini, è saltato subito all’occhio la differenza abissale che corre tra i due generi: 370 uomini segnalati contro appena 5 donne. Chi erano queste cinque donne? La più famosa è Carmen (Carmela) Emiliani, moglie di Pietro Nenni (nella foto di copertina, tratta dal sito fondazionenenni.it, ndr). Poi vi sono due donne legate da un vincolo familiare, le sorelle Domenica e Anna Pasi. Infine altre due donne, anch’esse strette attorno alla medesima vicenda: una è la moglie di Riccardo Donati (Barisàn), l’altra è Linda Silvagni, sorella del marmorino ucciso proprio dal Donati. Queste cinque storie si intrecciano alle vicende del Ventennio, cinque storie da scoprire, per mantenere viva la memoria della nostra storia recente.

Mattia Randi, classe 1990, faentino d’adozione, si è laureato con lode e menzione di pubblicazione presso la facoltà di Scienze Storiche e Orientalistiche dell’Università di Bologna con una tesi dal titolo “La chiave del successo: il caso Cisa di Faenza” (1928-1991). E’ redattore della rivista “Novantasei – Letteratura, Arte e Storia in Romagna”.

I prossimi incontri alla Bottega Bertaccini

Si ricorda che alla Bottega Bertaccini è in corso la mostra “Ceramiche sonore – Fischietti d’Autore” fino al 2 dicembre. In esposizione opere di Riccardo Biavati, Giovanni Cimatti, Tiziana Grandi, Guglielmo Marthyn, Elena Modelli, Martha Pachon Rodriguez, Roberta Padovani, Fabiano Sportelli. Da vedere e da ascoltare. Martedì 5 dicembre alle ore 21, Guido Ceroni presenta il suo libro “Nemmeno la tomba – Una storia rossa” (Il Ponte Vecchio). Un libro bello e importante perché ci restituisce non solo la storia di qualcuno, ma la storia di tanti. Tanti uomini e donne che, nelle basse campagne ravennati in cui il libro è ambientato, seppero sollevarsi da condizioni di marginalità e miseria con tanta fatica e con una accesa passione politica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.