Cittadinanza onoraria al capitano Marella: il consiglio comunale approva

Un consiglio comunale unito e compatto – unica eccezione l’astenuto Maretti (La Tua Faenza) – nell’invitare sindaco e giunta a «conferire al capitano Cristiano Marella la cittadinanza onoraria del Comune di Faenza, per i meriti e i risultati conseguiti dalla Compagnia dei Carabinieri di Faenza durante il suo operato e per la fiducia instillata nei cittadini faentini verso la Compagnia manfreda, grazie al suo lavoro e alla sua figura». A seguito del consiglio comunale dello scorso 23 luglio 2018, trova conferma la richiesta – espressa nelle scorse settimane da diverse forze politiche – di conferire la cittadinanza onoraria al capitano dei Carabinieri Cristiano Marella, dal 10 settembre 2013 alla guida della compagnia faentina dopo l’avvicendamento con il Capitano Andrea Orsini. Nel settembre 2018 il capitano Marella lascerà la Compagnia Manfreda, lasciando un’ottima situazione al suo successore, ma al contempo un grande vuoto nei cittadini, che oramai lo vedono come un faro di legalità in un periodo di grande insicurezza. Da qui comunque l’idea di dare il riconoscimento di cittadinanza onoraria per il suo operato a Faenza.

Il Capitano Cristiano Marella era dal 2013 a Faenza

Sotto la guida del capitano Marella la compagnia faentina è stata protagonista di una grande lotta all’illecito con grandi risultati. In meno di cinque anni, i Carabinieri del capitano Marella hanno compiuto azioni uniche come il sequestro di 100 chili di hashish all’interno di un camion nel 2016. Fra le ultime gesta della compagnia, ricorda il consiglio comunale, c’è l’arresto della cosiddetta “Banda dell’Oro” che da mesi svaligiano le abitazioni dei faentini, e che nonostante la bravura, sono stati catturati dopo una precisa indagine dei Carabinieri faentini.

«Negli ultimi anni – si legge nella nota del consiglio – la Compagnia dei Carabinieri di Faenza ha avuto dei risultati molto significativi su tutto il territorio del comprensorio e grazie ai tanti successi della Compagnia, la fiducia fra i cittadini verso i Carabinieri è molto elevato». «La cittadinanza onoraria – scrivono i consiglieri – è un’onorificenza concessa da un Comune a qualsiasi persona che è ritenuta legata alla città per il suo impegno o per le sue opere. La persona deve essersi distinta particolarmente nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell’industria, del lavoro, della scuola, dello sport, con iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico od in opere, imprese, realizzazioni, prestazioni in favore degli abitanti del comune, rendendone più alto il prestigio attraverso la loro personale virtù, o in azioni di alto valore a vantaggio della nazione o dell’Umanità intera».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.