Dal turismo esperienziale al design, 5 nuovi team al Contamination Lab di Faenza

Il bando di ammissione rivolto a team con idee imprenditoriali da sviluppare all’interno del Contamination Lab, pre-incubatore d’impresa promosso dalla Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza, ha riscontrato un’ampia partecipazione e, dopo la valutazione, svolte dall’Advisory Board del Contamination Lab, sono stati selezionati cinque team, per un totale di 14 ragazzi e ragazze di età prevalentemente compresa tra i 23 e i 36 anni, provenienti prevalentemente dal territorio faentino, e in parte dalle province di Bologna e Forlì-Cesena.

Gli ambiti su cui lavoreranno i 5 team

I cinque team ammessi saranno ospitati all’interno del Contamination Lab per un periodo di dodici mesi e svilupperanno progetti in diversi campi tematici, affini alle principali vocazioni imprenditoriali del territorio della Romagna Faentina: turismo esperienziale (organizzazione di matrimoni per stranieri in Emilia- Romagna), stampa artistica (eco-printing), agricoltura (recupero di vigneti abbandonati), sport (creazione di parchi sportivi outdoor e indoor), design (produzione di nuovi oggetti con materie derivanti da scarti industriali).

Affiancamento imprenditoriale di un anno all’interno del pre-incubatore d’impresa

Nel primo semestre (marzo-ottobre 2020) i team ammessi parteciperanno alla Startup School del Contamination Lab, un ciclo di seminari tenuti da esperti su temi utili al perfezionamento del progetto e alla creazione dell’attività imprenditoriale (business model, design thinking, fundraising, marketing, storytelling, fiscalità, gestione della proprietà intellettuale, ecc.). In virtù delle restrizioni attuate per contenere il contagio da Coronavirus, al momento i workshop della Startup School del Contamination Lab – realizzati in stretta collaborazione tra Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza, Romagna Tech, e Art-ER (Area S3) – avranno luogo esclusivamente online. A ogni gruppo ammesso sono state inoltre affiancate due figure professionali di Mentor e Coach che lavoreranno sulla crescita di ogni progetto e sulle competenze dei team. Al termine del percorso, il Contamination Lab promuoverà attività di presentazione e networking dei diversi team con imprese e istituzioni pubbliche e private del territorio faentino.

Tramite il progetto del Contamination Lab e le azioni di supporto allo sviluppo di progetti imprenditoriali giovanili, la Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza conferma il proprio impegno istituzionale a favore dello sviluppo del benessere sociale ed economico della comunità faentina, obiettivo ritenuto ancor più pressante a causa della crisi in corso e dei suoi possibili effetti anche economici. Per fronteggiare l’emergenza sanitaria la Fondazione è prontamente intervenuta per supportare l’Ospedale per gli Infermi di Faenza nell’acquisto di presidi sanitari, oltre ad uno stanziamento di 24mila euro effettuato in collaborazione con Crédit Agricole Italia a supporto del personale medico dello stesso Ospedale degli Infermi di Faenza.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.