Gemos punta sul welfare aziendale per gli oltre 1.000 soci e dipendenti

Dallo sportello welfare all’erogazione di borse di studio passando ad aiuti concreti per le famiglie dei soci e dipendenti. Si chiama “BenEssere Gemos – Le persone al centro” il nuovo progetto di welfare aziendale, partito a novembre 2017, che la cooperativa di ristorazione faentina ha messo a punto per tutti i soci e dipendenti che la compongono. «Abbiamo deciso di avviare un percorso strutturato di welfare aziendale per mettere meglio a sistema le azioni che Gemos già intraprende per favorire i propri lavoratori nelle attività quotidiane e per introdurne di nuove, partendo direttamente dai bisogni della nostra grande ‘famiglia’ – sottolinea la presidente Mirella Paglierani -. Per far ciò ci siamo rivolti alla cooperativa RicercAzione che ci ha supportato e ha coordinato l’intero progetto».

Erogati 10mila euro in borse di studio

«Siamo così partiti – spiega la presidente Gemos – attraverso la distribuzione di un questionario, con un’analisi dei nostri soci e dipendenti e delle loro necessità più stringenti. Una volta studiato il campione abbiamo delineato diverse possibili azioni che rientrano in quattro ambiti ben precisi: salute, mobilità, lavoro e tempo libero. Per ognuno di questi temi Gemos ha elaborato speciali convenzioni, percorsi di formazione e prevenzione, e diversi aiuti per le famiglie. Riguardo quest’ultimo punto – aggiunge Paglierani – abbiamo ad esempio stanziato 10mila euro per l’erogazione di 20 borse di studio per i figli dei soci che frequentano le scuole medie superiori e l’università».

Gemos: istituito lo sportello welfare per venire incontro alle esigenze dei lavoratori

Il progetto BenEssere Gemos è appena partito e per raggiungere in maniera capillare gli oltre 1.000 soci e dipendenti sparsi nei territori dell’Emilia-Romagna, delle Marche, della Toscana e dell’Umbria, la cooperativa ha organizzato un ciclo di incontri di presentazione in ognuna delle zone in cui opera. «Stiamo riscuotendo una buona partecipazione agli incontri e un certo entusiasmo da parte dei nostri collaboratori e ne siamo molto felici – continua la presidente -, perché tra gli obiettivi cardine di questa iniziativa c’è quello di rafforzare nei soci ma anche nei dipendenti il senso di appartenenza a questa realtà cooperativa. Negli ultimi anni Gemos si è ingrandita molto ma continuiamo ad essere una realtà affiatata e unita, che crede nei valori e nei princìpi alla base della cooperazione».

Il progetto di welfare aziendale di Gemos non si esaurisce con queste prime azioni programmate: «Le iniziative presentate in questi giorni rappresentano solo un primo passo di un percorso in divenire che speriamo possa arricchirsi con nuove proposte e spunti arrivati direttamente dai nostri lavoratori. Per far sì che tutti possano avere sempre chiare le opportunità messe a disposizione abbiamo istituito uno ‘sportello welfare’ (0546 600711) e creato una sezione dedicata sul nostro sito internet».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.