App segnapunti del Niballo: l’idea sviluppata dal liceale Fabio Garavini

Segnare comodamente gli scudi che vengono assegnati durante la giostra del Niballo sul proprio smartphone senza bisogno di carta e penna: ora è possibile! La novità dell’ultim’ora è infatti una nuovissima app del Niballo Palio di Faenza grazie alla quale, durante la giostra che si terrà domenica 23 giugno allo stadio Bruno Neri, si potranno segnare sul proprio cellulare gli scudi conquistati nel corso delle sfide dai cavalieri dei cinque Rioni (Borgo Durbecco, Rione Giallo, Rione Nero, Rione Rosso, Rione Verde) ed avere dunque in mano sul proprio smartphone, aggiornata in tempo reale, la classifica provvisoria della gara. L’app, disponibile per sistemi Android, è scaricabile gratuitamente da Google Play Store con il titolo “Niballo Palio di Faenza”.

Scaricabile da Google Play Store

Nel corso delle venti tornate del Palio l’app sarà dunque utilissima per segnare i punti senza bisogno di portarsi dietro carta e penna, e soprattutto per verificare con immediatezza a video l’andamento della corsa per il proprio Rione. Al primo avvìo dell’app verrà fatto scegliere all’utente il proprio Rione preferito, e sarà inoltre possibile vedere classifica e scudi dell’anno scorso per confrontarli.

App ideata dal 17enne Fabio Garavini

L’app è stata ideata da Fabio Garavini, studente del liceo Scientifico Torricelli-Ballardini che da sempre ha avuto la passione per l’elettronica e l’informatica. «Sono un grande appassionato del Palio di Faenza – racconta – e tutti gli anni in occasione del Palio cercavo se esisteva un’app per segnare i punti che venivano assegnati nel corso della giostra e allora, non trovandola, ho deciso di realizzarla io e di regalarla al Palio della mia città» . Nell’attesa della gara di domenica e dell’utilizzo della nuovissima app, l’amministrazione comunale e il mondo del Palio ringraziano Fabio Garavini per aver ideato e realizzato questo progetto innovativo per il futuro della giostra.

app palio

app palio

app palio scudi

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.