Anspi Faenza: donati 4.500 euro alla Pubblica Assistenza

Il Comitato zonale Anspi di Faenza, in collaborazione con tutti i Circoli e Oratori della Diocesi di Faenza-Modigliana, ha promosso una raccolta fondi a favore della Pubblica Assistenza città di Faenza. In poche settimane, dall’avvio della pandemia, sono stati raccolti 4.500 euro. L’Anspi non è nuova a questo tipo di solidarietà e aiuto. In passato venne fatta una raccolta a favore di una comunità in provincia dell’Aquila dopo il devastante terremoto che aveva colpito l’Abruzzo, poi vi fu un intervento al paese di Camposanto dopo il terremoto in Emilia ed in ultimo vi è stato un importante sostegno economico anche alla comunità di Appignano del Tronto con la quale l’Anspi di Faenza ha stretto anche un bel rapporto di amicizia e di solidarietà con visite di scambio fra la loro comunità e qualche circolo faentino.

Paolo Cavina: “I circoli e oratori promuovono valori importanti”

«Questa raccolta nasce dallo spirito di carità e di solidarietà che sono i valori fondanti dell’Anspi – dice Paolo Cavina, presidente del Comitato Zonale Anspi di Faenza – Valori che animano tutti i soci e i volontari dei nostri circoli, che promuovono e collaborano alla vita Pastorale delle parrocchie con attività di oratorio, attività sportive, culturali, formative e ricreative. I bambini, i ragazzi, i giovani crescono muovendo i loro primi passi nella comunità parrocchiale proprio grazie alle attività promosse dai Circoli e Oratori in sinergia con i parroci: una crescita umana in cammino con la fede».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.