La dott.ssa Annamaria Acquaviva vince l’Oscar della Salute

La dottoressa Annamaria Acquaviva, dietista nutrizionista di Faenza, ha vinto l’Oscar della Salute 2018. Venerdì 23 marzo a Verona, nel corso degli Italian Health Award – gli Oscar della Salute – le è stato conferito il prestigioso riconoscimento in una serata di gala condotta dal giornalista Ivan Zazzaroni. In tutto dodici i premiati da tutta Italia, che si sono distinti per il loro impegno per promuovere la salute nelle diverse forme. Il premio è stato conferito da un comitato scientifico su richiesta del pubblico anche per il suo grande impegno divulgativo.

Il premio è stato istituito da due medici, Massimo Spattini e Pasquale d’Autilia, che credono che la salute sia una scelta che possiamo fare tutti, tutti insieme, ogni giorno, e che ci aspetta dietro ogni gesto per aderire alla proposta quotidiana del benessere. Salute è responsabilità, per sé stessi e per gli altri. Salute è ambiente, è comunicazione, è cultura, e molto altro. La salute ha molti volti, molti nomi, perché è nelle mani di tutti. «Per questo abbiamo deciso – spiegano gli organizzatori – di premiare un rappresentante per ognuna di 12 categorie trasversali. Ognuno di loro racconterà la sua personale ricetta di benessere e il suo modo di diffonderla e farla vivere».

Annamaria Acquaviva: “Dedico il premio a tutti i miei pazienti”


Annamaria Acquaviva ha conquistato la menzione d’onore degli Oscar della Salute grazie alla candidatura del pubblico, poi valutata dalla commissione giudicatrice. «Lo dedico a tutte le persone che mi hanno dato fiducia e mi hanno fatto crescere professionalmente, alla mia famiglia e ai miei pazienti adulti e piccoli – spiega la dottoressa Acquaviva – Mi auguro che la ricerca sull’età infantile in cui mi sto impegnando sia utile ai bambini di oggi, che saranno gli adulti di domani. Grazie ad Andid – conclude la vincitrice – per il costante supporto, un ringraziamento speciale a Massimo Spattini e Pasquale d’Autilia, per questa splendida manifestazione volta alla promozione della salute».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.