L’Altra Faenza: effetto Covid e disuguaglianze economiche, una proposta

Il lockdown in atto ha portato alla luce non solo la necessità di rivedere il nostro sistema di produzione, ma anche le disuguaglianze sociali. Ecco allora che la lista civica l‘Altra Faenza esprime alcune considerazioni sulle misure economiche su cui intervenire. «Il Consiglio Comunale di giovedì 23 aprile sarà il primo confronto istituzionale a livello locale – afferma il capogruppo della lista L’Altra Faenza, Edward Necki – e dovrà essere l’occasione per avere un quadro complessivo della situazione nei nostri territori, sia per valutare l’efficacia delle misure messe in atto per la fase dell’emergenza, sia per cominciare a programmare quelle della auspicata “ripartenza” (che certo non può prevedere proposte estemporanee di riapertura generalizzata sette giorni su sette)».

“Importante il rinvio dei pagamenti tributari”

«Per ora mi limito solo ad alcune considerazioni di massima: è stato senz’altro importante il rinvio dei pagamenti tributari al 30 giugno delle utenze e dei tributi locali (Tari, Tosap, Icp, bollette Acqua ecc); così come potrebbe essere presa in considerazione una riduzione della tassa sull’occupazione di suolo pubblico (magari tenendo presente la necessità di maggior spazio per i necessari distanziamenti), o di quella sulla pubblicità; da più parti si chiede anche un rinvio dell’Imu (ma forse non sarebbe il caso sulle seconde case)».

La proposta: un impegno solidale a cittadini e attività per riequilibrare le disuguaglianze

«E’ necessario però tenere fermamente in conto che i rinvii delle scadenze sono una cosa (che ha comunque un suo costo in termini di liquidità e disponibilità di risorse anche da parte dei Comuni) mentre le esenzioni fiscali sono un’altra, perché comportano automaticamente un aumento ulteriore del debito pubblico già necessario per il finanziamento della ripresa economica. Contemporaneamente va considerato che non tutte le attività economiche sono state bloccate, così come per i redditi delle persone, gli effetti negativi non sono stati, non sono e non saranno uguali per tutti. Per questo avanzo una piccola proposta: chi ritiene di poter fare a meno di queste pur necessarie agevolazioni potrebbe continuare a versare gli importi previsti? Sarebbero risorse che possono essere utilizzate per interventi urgenti che le Amministrazioni devono mettere in atto. Può il Consiglio Comunale fare un invito, seppur volontario, a questo impegno solidale a cittadini e attività economiche che possono permetterselo? Sarebbe una ulteriore declinazione di piccole iniziative di solidarietà spontanea come: “chi può metta, chi non può prenda”, ma che indicherebbe anche come da questa emergenza dobbiamo uscirne con un riequilibrio delle diseguaglianze, che deve passare anche da una contribuzione progressiva da parte di chi ha di più».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.