Educazione sessuale e internet: a Faenza l’incontro con Alberto Pellai

Affrontare il tema dell’educazione sessuale con i più giovani in un epoca in cui tutte le risposte sembrano poter provenire dal web. “Tutto troppo presto: l’educazione sessuale dei nostri figli nell’era del digitale” è il titolo della conferenza in programma mercoledì 19 ottobre, alle ore 20.30, a Faenza, presso Faventia Sales (via S.Giovanni Bosco 1), promossa dal Centro per le Famiglie dell’Unione della Romagna Faentina in collaborazione con l’Asl della Romagna – Consultorio Familiare, Consultorio Giovani. Relatore dell’incontro sarà Alberto Pellai, medico, psicoterapeuta dell’età evolutiva e specialista in Igiene e Medicina preventiva, autore di molti libri per adulti e ragazzi sui temi della crescita.

L’educazione sessuale e i rischi dell’era digitale

Nell’incontro si parlerà della sessualità dei ragazzi preadolescenti in un’epoca in cui il mondo virtuale incrocia sempre più spesso il percorso di sviluppo e di educazione sessuale dei nostri figli, perchè li mette in contatto diretto e spesso in assoluta autonomia con territori e stimoli per i quali non sempre hanno le giuste competenze cognitive ed emotive. Il mondo virtuale non è a misura di bambino e nemmeno di preadolescente, ma può diventarlo se gli adulti sapranno regolamentare, supervisionare e accompagnare i figli, consapevoli dei rischi che possono incontrare, ma anche suggerire loro come prevenirli e, se necessario, fronteggiarli. Spesso anche i genitori più attenti sono in difficoltà nel trattare questo tema con i propri figli perchè nessuno ha mai mostrato loro come farlo, ma è necessario che i più giovani abbiano genitori consapevoli, che non ignorino il tema dell’educazione sessuale.

Mercoledì 19 ottobre giornata di formazione per gli educatori

Per approfondire questi importanti temi, sempre nella stessa giornata, il Centro per le famiglie e il Consultorio familiare hanno organizzato una formazione gratuita, rivolta a operatori dei servizi socio-sanitari e insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado, suddivisa in due moduli: nel primo si approfondirà il tema dell’educazione sessuale nell’era digitale, in particolare su come sostenere la crescita, la salute sessuale e prevenire i comportamenti sessuali a rischio online in età evolutiva, mentre nel secondo verrà affrontato il tema dell’identità di genere e dell’educazione di genere.

Chi è Alberto Pellai: nel 2004 la Medaglia al merito

Alberto Pellai lavora come ricercatore presso l’università degli Studi di Milano, dove è docente di Educazione sanitaria e Prevenzione. Ha svolto numerose ricerche sull’infanzia e l’adolescenza, ha pubblicato molti libri per bambini, genitori, insegnanti e specialisti. Molti suoi libri sono stati tradotti all’estero. Dal 2005 collabora con Radio 24, dove per sei anni ha co-condotto la trasmissione settimanale per genitori “Questa casa non è un albergo”, l’unico programma radiofonico nazionale dedicato alla relazione genitori-figli. Sul settimanale Famiglia Cristiana, dal 2010 è responsabile della rubrica “In famiglia”, dove fornisce risposte ai quesiti educativi posti dai genitori. Nel 2004 il Ministero della Salute gli ha conferito la Medaglia d’Argento al merito della Sanità Pubblica. Ha vinto numerosi premi letterari e con i suoi testi di canzoni per bambini è stato finalista più volte nella categoria Autori allo Zecchino d’Oro.

Rispondi