Gli scout Valdilamone e l’emergenza Coronavirus: l’impegno educativo continua

Stare a casa, ma mantenere saldo il fazzolettone al collo: una sfida educativa che è stata accettata al tempo del Coronavirus dal gruppo scout Valdilamone, realtà Agesci che riunisce una sessantina di ragazzi e ragazze della vallata. In questi giorni difficili infatti il Branco (lupetti e lupette di 8-12 anni), il Reparto (guide ed esploratori di 12-16 anni) e il Clan (rover e scolte di 16-18 anni) non si sono fermati, ma stanno adottando soluzioni creative e a distanza per proseguire al meglio le proprie attività testimoniando ogni giorno, ognuno nel proprio contesto, i valori della promessa e della legge scout. Ed è proprio la legge scout il punto di riferimento di queste settimane tanto strane e difficili.

Seppure a distanza, gli scout continuano a portare avanti il progetto educativo nella vallata di Brisighella

“La guida e lo scout sanno obbedire” recita infatti il 7° punto, e indica la strada da seguire come Gruppo in questo momento di criticità. «Tutti quanti noi stiamo vivendo in questo periodo un’emergenza sanitaria che mai ci saremmo immaginati di dover affrontare – scrivono i capi del Valdilamone – ognuno di noi viene dunque richiamato alla propria responsabilità di cittadino e a operarsi per impedire a questo avversario di avere vita facile nel diffondersi. Nel frattempo come comunità capi ci attiveremo con modalità nuove e creative per mantenere vivo e acceso il rapporto di fiducia con i nostri ragazzi e le famiglie cercando di portare avanti il nostro fine educativo». È proprio in questi momenti di emergenza, infatti, che lo spirito di gioco, avventura e servizio tipici dello scoutismo devono tendere una mano concreta a tanti giovani per affrontare questo momento di crisi e, anche se a distanza, tengono salda una comunità in cui poter far sempre riferimento per giocare, crescere e approfondire la realtà complessa che ci circonda.

L’importanza di non lasciare soli i più giovani al tempo del Coronavirus

“Non esiste buono o cattivo tempo, ma solo buono o cattivo equipaggiamento” diceva Baden Powell, il fondatore dello scoutismo: ecco allora che i capi si sono ‘equipaggiati’ di idee, soluzioni tecniche (dai programmi di videoconferenza come Skype a Meet) e soprattutto di entusiasmo per continuare ad affiancare i propri ragazzi, testimoniando che si è scout sempre, e soprattutto nei momenti di difficoltà. “Sorridono e cantano anche nelle difficoltà” si legge infatti all’8° punto della legge scout. Ecco allora che a lupetti e lupette arrivano i videomessaggi dei loro “vecchi lupi” che raccontano le storie di Mowgli e Bagheera per immergerli nelle atmosfere e nel mondo fantastico del Libro della Giungla, facendoli viaggiare oltre le mura di casa con la fantasia. Esploratori e guide si cimentano invece in sfide ogni volta diverse: da gare di cucina in cui devono realizzare pancake (le famiglie saranno contente) a contest fotografici che stimolano la loro creatività, facendo squadra anche a distanza. Anche i più grandi rover e scolte, a loro modo, viaggiano e colgono l’opportunità per costruire assieme la route estiva sulle Alpi, confrontandosi e valutando possibili percorsi e luoghi significativi da vivere nei prossimi mesi. Perché non basta scrivere l’hashtag #andratuttobene sui social perché questo accada, ma come diceva Baden Powell dobbiamo concretamente “sforzarci sempre di vedere ciò che splende dietro le nuvole più nere”. Finché riusciremo a vedere quella luce, anche con brutto tempo, allora sì, andrà veramente tutto bene.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.