Teatro: L’Abisso di Davide Enia conquista il Premio Ubu per il miglior nuovo testo italiano

Un monologo intenso e non banale, che non ha paura di affrontare le sfide del nostro tempo. L’Abisso di Davide Enia si è aggiudicato il Premio Ubu 2019 per il “migliore nuovo testo italiano o scrittura drammaturgica”. La cerimonia di premiazione dell’Ubu, giunto alla 42° edizione, si è tenuta al Piccolo Teatro di Milano lunedì 16 dicembre 2019. Questo prestigioso riconoscimento va così ad arricchire il palmarès dello spettacolo che, nel 2019, ha già vinto il Premio Le Maschere del Teatro Italiano come “migliore interprete di monologo” e il Premio Hystrio Twister come “migliore spettacolo della Stagione”.

Lo spettacolo è tratto dal romanzo Appunti per un naufragio

Lo spettacolo, di cui Accademia Perduta/Romagna Teatri è “capofila” di co-produzione insieme a Teatro di Roma e Teatro Biondo di Palermo, dopo il debutto nell’ottobre del 2018 al Teatro India di Roma, è in scena da due stagioni con una tournée che ha attraversato l’Italia a ogni latitudine e longitudine – compresi alcuni dei più importanti teatri romagnoli – raccogliendo ovunque l’unanime plauso della critica e del pubblico. Tratto da Appunti per un naufragio, romanzo firmato dallo stesso Enia, edito da Sellerio, già vincitore del Premio Letterario Internazionale “Mondello” e recensito anche dal New York Times, con L’abisso l’attore e drammaturgo palermitano compie uno struggente viaggio interiore nelle proprie radici che lo mette a confronto con la tragedia dei migranti nel Mediterraneo divenendo quindi quadro della Storia di oggi. Insieme alle musiche di Giulio Barocchieri, Enia dà voce a chi quella storia la vede con i suoi occhi, la vive sulla sua pelle: pescatori, Guardie Costiere, residenti, medici, volontari.

Un riconoscimento nazionale di prestigio

Il Premio Ubu è stato fondato nel 1978 da Franco Quadri (Milano 1936-2011), critico e saggista. Dopo oltre quattro decenni di puntuale presenza, di attento reperimento di quanto di più vivo accada sulla scena italiana ed europea, i Premi Ubu costituiscono ormai un punto di riferimento del teatro italiano.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.