Costituzione e Linea Gotica: il 2 giugno si festeggia a Ca’ di Malanca

Una giornata di festa in uno dei luoghi più significativi dell’Italia repubblicana. L’associazione Ca’ di Malanca e l’Anpi di Faenza, con il patrocinio dell’Unione dei Comuni della Romagna Faentina e della Regione Emilia-Romagna, organizzano la Festa della Repubblica a Ca’ di Malanca sabato 2 giugno celebrando, in questa occasione, anche il 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione.

Il programma della giornata prevede alle 12.30 il pranzo del partigiano; alle 14, prima parte del concerto del Gruppo musicale “Figli dell’Oblio”, Nomadi Tribute Band; alle 15, intervento di Alberto Baldazzi, sindaco di Castel del Rio, sul tema “Attualità della Costituzione italiana”. Seguirà la presentazione del libro “La linea Gotica, i luoghi dell’ultimo fronte di guerra in Italia” di Gabriele Ronchetti. Ne parleranno con l’autore, Gualtiero Malpezzi e Alberto Baldazzi; seguirà la seconda parte del concerto del gruppo musicale “Figli dell’Oblio”.

La linea Gotica: il libro di Gabriele Ronchetti

Il libro “La linea Gotica. I luoghi dell’ultimo fronte di guerra in Italia” è una guida completa, dall’Adriatico al Tirreno, per conoscere le vicende storiche e i luoghi della Linea Gotica, l’ultimo fronte della Seconda guerra mondiale in Italia, sul quale si attestarono le truppe tedesche nell’estremo tentativo di fermare l’avanzata delle armate anglo-americane lungo la penisola. Vicende che investirono anche i partigiani della 36.a Brigata Garibaldi posizionati a Ca’ di Malanca. Gabriele Ronchetti, giornalista e storico, si occupa di comunicazione e progettazione per la pubblica amministrazione. Già redattore per la stampa quotidiana, è autore di numerosi libri e guide, in particolare sui temi della Resistenza e della Seconda guerra mondiale in Italia. Gualtiero Malpezzi ricopre l’incarico di Capo Servizio Promozione economica e Turismo l’Unione dei Comuni della Romagna Faentina.

Alberto Baldazzi, sindaco di Castel del Rio, riconfermato nel 2016, ha contribuito in modo determinante alla crescita del Museo della Guerra di Castel del Rio. Sono conservati, nel Palazzo Alidosi, oltre duemila reperti e di documenti. Nel corso della manifestazione si può visitare, come tutti i giorni festivi fino alla fine di ottobre, “Il Centro Documentazione della Resistenza – Ca’ di Malanca”. Ingresso offerta libera.

Come arriva re a Ca’ di Malanca

In auto si raggiunge Cà di Malanca dalla provinciale Brisighellese, deviando per San Martino in Gattara – Monte Romano – Croce Daniele. Quindi si prosegue su stradello in parte sterrato per circa tre chilometri, parcheggiando lungo la strada facendo attenzione a non ostruire il passaggio. A piedi si raggiunge Cà di Malanca seguendo i seguenti sentieri: n. 505 Cai da Croce Daniele; n. 579 Cai da Purocielo; n. 2 Uoei da San Cassiano. Chi sceglie il treno, scende a San Cassiano e segue il sentiero n. 2 Uoei.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.