Sfida tra tastiere e laboratori per bambini: il weekend alla Sala Fellini

Laboratori per bambini e un’innovativa sfida musicale: il Teatro Fellini di Faenza inaugura il 2017 con queste novità assolute. il palcoscenico si apre sabato 21 gennaio alle 17 per accogliere tutti i bambini che vorranno essere parte del laboratorio Storie in palcoscenico! L’evento è curato da Teresa Maria Federici, esperta lettrice, educatrice e animatrice, e farà diventare protagonisti delle storie che leggerà tutti i bambini che aderiranno al progetto. Attività manuale, creatività, attenzione, divertimento e curiosità saranno gli ingredienti di questo primo laboratorio, adatto ai bambini da 3 a 6 anni.

Domenica 22 gennaio ore 18 la Sfida delle tastiere: chi vincerà?

sfida delle tastiereIl 2017 parte per l’associazione Nostrarte di Faenza con un nuovo appuntamento concertistico più unico che raro. Domenica 22 gennaio alle ore 18 si terrà infatti, la Sfida delle tastiere ovvero un concerto che ha come protagonisti i tre strumenti a tastiera che hanno segnato la storia della musica: il clavicembalo, il fortepiano e il pianoforte. È davvero insolito poter ammirare e sentir suonare tre strumenti di questo calibro sullo stesso palcoscenico, e l’obiettivo è proprio quello di condurre il pubblico attraverso il meraviglioso percorso storico che ha portato all’evoluzione della tastiera fino al moderno pianoforte a coda. Raramente ci si chiede quali siano gli antenati del pianoforte e quali siano stati i passaggi che abbiano portato uno strumento completamente in legno, colorato, con le corde sottili pizzicate, il clavicembalo, a diventare nel corso dei secoli un pianoforte laccato nero con il telaio metallico, i pedali e le corde percosse dai martelletti. Gli interpreti ai tre strumenti saranno per questo viaggio nel tempo Denis Zardi e Chiara Cattani.

Sul palco della Sala Fellini un fortepiano originale dell’800

Pianista pluripremiato nonché compositore Denis Zardi, e clavicembalista, fortepianista e pianista la Chiara Cattani. Con una vocazione e una specializzazione particolare per gli strumenti d’epoca, i due musicisti alterneranno una dinamica e snella spiegazione della morfologia e della storia degli strumenti all’esecuzione di alcuni fra i brani più caratteristici e famosi concepiti per ognuno di essi, lasciando che siano comunque le tastiere più che le parole a raccontare la loro storia. Gli strumenti saranno proposti in versione solistica, in duo a quattromani e addirittura in duo clavicembalo-fortepiano.
Un appuntamento davvero imperdibile, anche per l’occasione di vedere dal vivo un fortepiano originale del secondo decennio del 1800, costruito da Muzio Clementi a Londra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *