Luca de Tollis lascia la presidenza del consiglio comunale

L’annuncio è stato dato nella mattinata di martedì 31 gennaio 2017: Luca de Tollis ha rassegnato le proprie dimissioni da presidente del consiglio comunale di Faenza, carica che ha ricoperto dal 2010.

«Gli impegni familiari e lavorativi mi impediscono ormai di svolgere al meglio l’incarico conferitomi – scrive in una nota Luca de Tollis – così come ritengo doveroso dimettermi anche dal consiglio comunale non avendo più il tempo necessario a svolgere con serietà la predetta funzione pubblica al servizio dei cittadini. E’ stata una scelta lungamente meditata e compiuta con sofferenza, soprattutto nei riguardi di coloro che, votandomi nel 2015, mi hanno onorato della loro fiducia.Questa decisione personale che, tengo a precisare, non ha in alcun modo motivazioni di carattere politico o amministrativo, è stata presa solo e unicamente nel massimo rispetto della funzione esercitata e dei cittadini al cui servizio ho sempre inteso lavorare. Voglio ringraziare di cuore i cittadini di Faenza, il Partito democratico, il sindaco e l’amministrazione, insieme a tutti i Consiglieri Comunali, agli uffici comunali e a tutti coloro con i quali abbiamo collaborato in questi anni, per la bellissima esperienza vissuta insieme».

Luca de Tollis: dal 2010 la presidenza in consiglio comunale

Luca de Tollis, avvocato, è nato il 6 settembre 1969 a San Severo (Foggia) e fino a 27 anni ha vissuto a Milano mentre dal 1997 è residente a Faenza. In politica, ricopre il ruolo di assessore all’Ambiente e ai Rapporti con i cittadini nella prima Giunta Casadio (2000-2005). Al termine del mandato sente il bisogno con tutta la sua famiglia di tornare a tempo pieno al volontariato e, per tre mesi, lavora in una missione dell’Operazione Mato Grosso sulle Ande peruviane. Nel 2008, diventa il primo Segretario del Partito Democratico a Faenza, nato dall’unione dei Democratici di Sinistra e della Margherita. Si candida alle primarie del centrosinistra nel 2010 – in vista delle amministrative – ma viene sconfitto dal futuro sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi, allora non iscritto al partito. Eletto in consiglio comunale nel 2010, da allora ha ricoperto la carica di presidente, confermato anche per il secondo mandato Malpezzi dopo aver raccolto 365 preferenze nelle comunali del 2015.

In Consiglio subentrerà Roberto Damiani, si apre la corsa per la presidenza

Con le dimissioni di Luca de Tollis dall’assemblea manfreda subentrerà il primo dei non eletti, Roberto Damiani. Damiani, classe 1976 e laureato in scienze agrarie, un passato da capo scout nell’Agesci ed impiegato in un istituto di credito locale, è stato consigliere comunale fra il 2010 ed il 2015 e ha ricoperto il ruolo di capogruppo del Pd da novembre 2013 a fine consiliatura. È stato anche consigliere nell’Unione della Romagna Faentina dalla sua fondazione (2012) fino al termine del mandato nel 2015. Per quanto riguarda la sostituzione di Luca de Tollis al vertice del Consiglio Comunale, la maggioranza sembra orientata a mantenere il ruolo fra i propri consiglieri. Fra i nomi più quotati per la successione vi sono quelli di Maria Luisa Martinez, già presidente del Consiglio dell’Unione e consigliere provinciale, e di Niccolò Bosi, forte del buon risultato in termini di preferenze nelle comunali 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *