L’opera di Ugo Nespolo al Must di Faenza

Massimo IsolaAnche l’arte di Ugo Nespolo ha deciso di lasciare un proprio segno tangibile a Faenza, città che l’artista ha visitato per la prima volta nel 1989 e con cui ha mantenuto un forte legame affettivo. Il Must – il Museo Settore Territorio del Comune di Faenza con sede nel Palazzo di via Zanelli – si arricchisce infatti di una nuova opera – la numero 60 della sua collezione contemporanea – con una volta decorata proprio da Ugo Nespolo, uno dei più importanti artisti italiani. Il progetto di quest’opera è stato donato da Ugo Nespolo al Comune di Faenza diversi anni fa e ha ricevuto l’approvazione della Soprintendenza.

Da sinistra: Massimo Isola, Giorgio Erbacci ed Ennio Nonni.
Da sinistra: Massimo Isola, Giorgio Erbacci ed Ennio Nonni.

La decorazione della volta di Palazzo Zanelli trae spunto dai mosaici realizzati su legno dallo stesso Ugo Nespolo e si caratterizza per la ricchezza del colore, dalle forti tinte verdi e nere che danno una dinamicità unica alla stanza. La realizzazione della volta è stata resa possibile grazie alla disponibilità messa in campo dal Gruppo Erbacci ed è stata fisicamente realizzata con colori acrilici dall’artista faentino Kry, nome d’arte di Cristiano Marchetti. «Ugo Nespolo ci teneva a lasciare il segno nella nostra città – spiega Ennio Nonni, dirigente del Settore territorio del Comune di Faenza – e in questo modo si è arricchito il patrimonio artistico della città di Faenza».

Ugo Nespolo: uno dei migliori interpreti della Pop art

Ugo Nespolo 1
Ugo Nespolo

Di formazione torinese, Ugo Nespolo è uno dei più importanti artisti italiani celebre per le sue contaminazioni nella “Pop art” fin dagli anni Sessanta. Nato a Mosso nel 1941, ha dimostrato negli studi accademici interesse per l’arte e la semiologia. Tra le sue opere si ricordano le “tele cinematografiche”, i lavori per pali e giostre in tutta Italia, la realizzazione della maglia rosa del Giro d’Italia 2003, il lavoro di ricerca sulla Divina Commedia. «Nespolo è sicuramente uno degli artisti che nel secondo Novecento ha aiutato nel processo di modernizzazione collettivo della nostra società – spiega il vice sindaco Massimo Isola – Ha contaminato diversi linguaggi artistici tramite i suoi lavori figurativi, editoriali, teatrali. È un personaggio che ha portato l’arte contemporanea fuori dal dibattito tecnico ed è stato uno degli interpreti più forti della pop art in Italia. Oggi Ugo Nespolo è tradizione. È sicuramente stato significativo portarlo a palazzo Zanelli, uno dei simboli del neoclassico faentino, sintomo di un luogo che artisticamente cresce nella sua narrazione contemporanea».

Il Museo del Territorio: inaugurato nel 2016 conta 60 opere

volta
Le volte decorate da artisti contemporanei sono una delle caratteristiche peculiari del Must

Inaugurato nel 2016, ma progettato fin dal 1997, il Must ha sede nel Palazzo ottocentesco di via Zanelli – dove si trovano anche degli uffici comunali del Settore Territorio – e consiste nella installazione permanente di opere d’arte contemporanea che in modo graduale e spontaneo fanno assumere agli spazi un naturale senso artistico e di innovazione. Il fine è quello di fare convivere artisticamente in un spazio di 1.500 metri quadri sia i dipendenti del Comune sia gli utenti esterni e i turisti.

L’idea nasce dalla intenzione di allestire ogni ambiente del palazzo con opere prediligendo l’intervento sulle grandi volte bianche degli spazi interni (come nel caso dell’opera di Ugo Nespolo, ndr); la ragione risiede nel fatto che fino ai primi decenni del Novecento, con l’esaltante momento artistico di Felice Giani della fine del Settecento, era consuetudine nella città di Faenza dipingere a tempera le volte interne dei rigorosi e sobri (esternamente) palazzi neoclassici tanto che ora la ricchezza di questo patrimonio artistico non ha eguali in altre città vicine.

Il Must di Faenza è stato inaugurato nel 2016 e conta - con quella di Ugo Nespolo - 60 opere contemporanee
Il Must di Faenza è stato inaugurato nel 2016 e conta – con quella di Ugo Nespolo – 60 opere contemporanee

Non solo esposizioni: il Must propone attività culturali a trecentosessanta gradi attraverso i luoghi più significativi dell’arte contemporanea in tutta Italia. «Recentemente in collaborazione con il Gruppo Erbacci – spiega Ennio Nonni – abbiamo organizzato una visita all’opera di Christo al lago d’Iseo. In pochi giorni hanno aderito 110 persone». «Quanto fatto finora è un segnale – conferma Giorgio Erbacci – che insieme si possono fare tante cose di alto livello. Credo molto nella cultura: senza di essa non si fa niente e rappresenta l’asse fondamentale della conoscenza. In futuro continueremo a collaborare per progetti di questo tipo con il Must».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *