Una Galleria Molinella per tutte le arti: ecco il calendario 2017

La programmazione artistica 2017 della Molinella si apre e si chiude con le mostre dedicate a Filippo Monti e Ivo Sassi, due grandi protagonisti del panorama faentino. Quindici gli eventi che abiteranno la Galleria Molinella di Faenza senza sosta durante tutto l’anno e nel mezzo, spazio a tanti linguaggi diversi: ceramica, fotografia, pittura, architettura, design e anche musica, il tutto nel segno del multilinguismo e del dialogo delle arti.

Massimo Isola “Promuovere il dialogo tra le arti”

«L’idea è raccontare la città, dove cultura e arte convivono e promuovere l’incontro trasversale che unisce le varie mostre» spiega il vice sindaco Massimo Isola. Se un tempo la programmazione era rivolta solo alle arti visive, oggi la Galleria è diventata il luogo dove i linguaggi si incontrano e si succedono in una dimensione ciclica. «Mettiamo in fila la comunicazione di eventi diversi che raccontano il senso di questo spazio espositivo posto nel cuore della città – prosegue Massimo Isola – Quest’anno la Galleria ha scelto di fare del multilinguismo la sua cifra identitaria, connettendo le mostre in programma attraverso un registro espressivo, un’analisi e contenuti che si arricchiscono di linguaggi diversi e che raccontino il mondo senza dimenticare il legame con il territorio».

Galleria Molinella: spazio a molteplici forme espressive

Benedetta Diamanti e Massimo Isola
Benedetta Diamanti e Massimo Isola

Le mostre in esposizione suggeriscono una riflessione su chi siamo stati e chi siamo oggi, in un dialogo continuo tra il Novecento e il nostro tempo. Abitare Monti (14 gennaio – 5 febbraio) è la mostra di architettura – attualmente in corso – che apre questo ciclo di mostre in omaggio al lavoro di Filippo Monti, da poco scomparso. Il filone ceramico viene approfondito durante l’anno nel corso di più mostre e viene arricchito dalle contaminazioni con diversi ambiti dell’arte. Ampio spazio anche a scultura e design, fotografia, pittura e pittografia e ad un particolare dialogo tra mosaico ed arte contemporanea.
All’interno del percorso espositivo sono previste anche due iniziative che a prima vista potrebbero sembrare estranee, ma che in realtà ben rappresentano l’anima e l’eredità culturale della città come la mostra sui 100 km del Passatore (19-28 maggio) e gli eventi collaterali al Mei 2017 (25 settmebre – 1 ottobre).

Si celebrano gli 80 anni dell’artista Ivo Sassi

Particolare attenzione viene attribuita alla mostra di chiusura, Il rigore della ceramica (25 novembre – 7 gennaio 2018) dell’artista Ivo Sassi, che quest’anno celebra i suoi 80 anni. «La città di Faenza ha il dovere di vivere questi 80 anni come evento pubblico, come già avvenuto per altri grandi artisti. Il suo lavoro fa già parte dell’immaginario collettivo e ci contraddistingue come identità» spiega Massimo Isola introducendo il lavoro del maestro. Mentre il lavoro storico degli anni Sessanta verrà messo in esposizione in più spazi della sua natale Brisighella, quello attuale, volto alla continua indagine sulla forma, verrà esposto alla Molinella di Faenza, sua città adottiva, con il contributo dell’architetto Ennio Nonni. «Nella mia vita ho sempre avuto un occhio per il vetro come materia ceramica. La tematica della mostra verterà appunto intorno a questo materiale nella sua sensibilità e sfaccettature e nella sua forza di portare il colore ad una grande esaltazione» spiega Ivo Sassi.

Benedetta Diamanti: “Una scelta di responsabilità”

Benedetta Diamanti, dirigente alla Cultura illustra come la scelta di far gravitare le mostre all’interno della Molinella non sia per nulla scontata. In questi anni di carenza di risorse economiche, il Comune ha infatti voluto fare una scelta di responsabilità, rimando vicino al territorio. «Ci siamo impegnati personalmente nelle scelte espositive, dando opportunità ad artisti del territorio, ma cogliendo anche possibilità dall’esterno. Questo è uno spazio della città. Nel fare questo lavoro possiamo fare scelte opinabili, ma l’impegno a mettersi in gioco c’è e il calendario è stato diversificato perché ognuno possa trovare le sue “affinità elettive”».

Galleria Molinella: il calendario

Date Titolo Mostra Organizzatore Ambito
14 gennaio – 5 febbraio Abitare Monti. Composizioni residenziali: omaggio a Filippo Monti (1928-2015) Maria Tampieri | Fototeca Manfrediana | FabLab Faenza Architettura, Fotografia, grafica e design
11 – 26 febbraio Artegatto Artefatto 2017 Bottega Mirta Morigi | Bottega Bertaccini | Ente Ceramica Faenza Ceramica, Pittura, scultura fotografia, grafica
11 marzo – 25 aprile Romagna monumentale: Domenico Rambelli un maestro dell’Espressionismo italiano Assessorato alla Cultura Disegni
29 aprile – 14 maggio L’Air du temps Anna Rita Barulli | Riana Rocchetta Design, arti visuali
19 – 28 maggio Immagini che corrono: i 45 anni del Passatore Associazione 100 km del Passatore Fotografia, Filmati
3 – 18 giugno (da definire) Gabriella di Bona Pittura
23 giugno – 9 luglio Memoria d’ombra Amici dell’Arte Faenza: Silvano D’Ambrosio Pittura
13 -31 luglio Ri-tratti trattati Enrico Tubertini Pittografia
4 – 27 agosto Paradigmi Patrizia della Valle Mosaici, Scultura
2 – 17 settembre Testimoni del tempo. Ceramiche urbane Associazione gli Otto Venti: Alessandro Giorgi Ceramica
25 settembre – 1 ottobre Materiali Musicali MEI 2017 Musica
7 – 17 ottobre S. Francesco si veste di seta ed altre allegorie – il cantico di frate Sole in 10 teli dipinti Elisa Morelli Scultura, Ceramica, Pittura, Musica, Poesia
21 ottobre – 1 novembre Il Paesaggio in movimento Mirna Montanari Pittura, Disegno a china
4 – 19 novembre Mondial Tornanti Ente Ceramica Faenza Fotografia, Performances
25 novembre – 7 gennaio 2018 Il rigore della Ceramica Ivo Sassi Ceramica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *