Feste e sagre per le scuole: donati 8mila euro a 23 istituti faentini

Ventitre istituti scolastici fanno festa con “Feste e sagre”, il Comitato che nel faentino e nel ravennate riunisce più di cinquanta feste organizzate da volontari: Sabato 11 febbraio 2017 al Rione Verde di Faenza sono infatti stati consegnati i materiali offerti in dono alle scuole per la seconda edizione del progetto “Cultura e istruzione”. Nato a fine 2015, “Feste e sagre per le scuole” è il fondo – che quest’anno ammonta a circa 8mila euro – creato dal Comitato a sostegno dei progetti destinati alle nuove generazioni: ogni festa del circuito contribuisce versando una quota proporzionale al numero di visitatori accolti, a cui si somma il ricavato dal conferimento degli oli esausti all’apposito fornitore delegato al ritiro. Come già fatto nella prima edizione, i volontari del Comitato provvedono poi a contattare tutte le scuole delle località in cui si svolgono le feste invitandole a presentare un proprio progetto per l’acquisto di materiali utili alla scuola.

Il contributo destinato all’acquisto di materiale didattico

«Quest’anno siamo riusciti a soddisfare le richieste – spiegano gli organizzatori – di 23 istituti in undici diverse località per l’acquisto dei più diversi materiali didattici. E’ un ottimo bilancio: non solo siamo riusciti a raccogliere più soldi, ma soprattutto più scuole hanno presentato il progetto rispetto all’anno scorso». Sono quindi 23, come detto, gli istituti beneficiari: Scuole infanzia “Arcobaleno”, “Rodari”, “Panda” e “La casetta di Zenzi” (Faenza), “Don Bosco” (Pieve Cesato), “Santa Maria Assunta” (Solarolo), “L’aeroplano” (San Martino in Villafranca), “Carlo Maria Spada” (Cotignola), Palazzuolo, San Martino in Gattara, “Conti”(San Pancrazio), Roncalceci, “Pueris sacrum” (Massa Lombarda), le scuole primarie “Don Milani”, “Martiri di Cefalonia”, “Pirazzini”, “Gulli” (Faenza), Roncalceci, “Pezzani” (Solarolo), “Ginnasi” (Castel Bolognese), le scuole medie “Bendandi” ed “Europa” e l’Itip “Bucci” di Faenza.

Il Comitato Feste e sagre: più di 50 feste a Faenza e dintorni

«Da oltre vent’anni – continuano i volontari – ogni sagra contribuisce al miglioramento del proprio territorio, finanziando arredi urbani, ristrutturazioni delle parrocchie, sostenendo società sportive giovanili, strutture per l’infanzia e iniziative di beneficenza. Con questo progetto, non legato alla singola festa ma gestito collettivamente da tutto il Comitato, vogliamo ulteriormente dare un contributo alla comunità romagnola che in questi anni ha scelto le nostre feste per trascorrere insieme qualche momento di allegria e convivialità».

Rispondi