Federalberghi contro Airbnb, il portale in Emilia Romagna ha oltre 7mila alloggi

Alloggi per turisti, Federaberghi si scaglia contro il colosso della sharing economy Airbnb. L’allarme viene lanciato giovedì 13 ottobre a Rimini Fiera in occasione dell’apertura di TTG/SIA GUEST/SUN, tre saloni che rappresentano il più importante marketplace del turismo italiano e di riferimento per l’Europa. «Il sommerso nel turismo – afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – prosegue indisturbato la propria corsa ed è giunto a livelli talmente di guardia da generare una minor sicurezza sociale ed il dilagare indiscriminato dell’evasione fiscale e del lavoro in nero». Il commento del presidente Federalberghi è arrivato a commento dei risultati di un monitoraggio che la federazione ha realizzato con l’ausilio della società Incipit Consulting.

schermata-2016-10-13-alle-14-30-07
Fonte: Federalberghi

Airbnb in Emilia Romagna: un aumento del 39%, ma la regione è solo undicesima

In Emilia Romagna sono 7.781 gli alloggi proposti dal portale Airbnb ad agosto 2016, con un aumento del 39% rispetto l’anno precedente. Tuttavia la regione non è tra quelle in cui Airbnb ha attecchito di più: l’Emilia Romagna è l’undicesima regione italiana in questa particolare classifica. Bologna presenta oltre 2.500 inserzioni, di cui la metà sono intere abitazioni. A Faenza e dintorni risultano invece essere più di 300 le camere messe a disposizione per gli ospiti, con una media attorno ai 6o euro a notte.

Fonte: Federalberghi
Fonte: Federalberghi

Complessivamente il portale Airbnb, ad agosto 2016, poneva in vendita in Italia 222.786 strutture (erano solo 234 nel 2009). Il monitoraggio di Federalberghi rileva che a questa crescita esponenziale non fa seguito «una significativa variazione del numero di attività ufficialmente autorizzate» (le strutture extralberghiere censite dall’Istat erano 104.918 nel 2009, oggi sono a quota 121.984).

Cos’è Airbnb

Airbnb è un portale online che mette in contatto persone in ricerca di un alloggio o di una camera per brevi periodi con persone che dispongono uno spazio extra da affittare, generalmente privati. Il sito fu aperto nell’ottobre del 2007 da Brian Chesky, Joe Gebbia e Nathan Blecharczyk ed è cresciuto considerevolmente negli ultimi anni come dimostra lo studio di Federalberghi.

Federalberghi: “Necessità di definire il quadro normativo”

In Italia il picco è a Roma con 23.889 alloggi e a Milano con 13.200. «Il sommerso nel turismo prosegue indisturbato la propria corsa generando una minor sicurezza sociale e il dilagare indiscriminato dell’evasione fiscale e del lavoro in nero afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – «il Piano strategico del turismo – aggiunge – afferma a chiare lettere la necessità di definire un quadro normativo e regolamentare che contrasti efficacemente il fenomeno dell’abusivismo. Confidiamo che si passi presto dalle parole ai fatti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *