Claudia Casali racconta il Mic: “Un Museo in dialogo con il mondo”

Variegato, internazionale e dinamico: potrebbero essere questi i tre aggettivi giusti per descrivere il Mic, il Museo internazionale delle Ceramiche di Faenza. Un fiore all’occhiello della provincia italiana, come recentemente sottolineato anche dal Sole 24 Ore, capace di rappresentare un centro culturale unico nel suo genere in tutto il mondo. I 55mila pezzi contenuti al suo interno testimoniano una varietà incredibile di culture e tempi lontani: dall’arte precolombiana al rinascimento italiano fino a collezioni dell’Estremo Oriente e ad opere che raccontano la nostra contemporaneità. Una ricchezza di stili e culture che nessun altro museo al mondo ha il privilegio di possedere, sottolineata anche dall’Unesco che nel 2011 ha conferito al Mic il riconoscimento di “Monumento testimone di una cultura di pace”. Il Museo però non ha solo il compito di conservare, ma anche quello di indicare il futuro dell’arte ceramica: sarà infatti il Mic a curare la quinta edizione di Argillà Italia, la mostra mercato internazionale della ceramica che si terrà a Faenza dal 2 al 4 settembre. Ed è proprio la direttrice del Mic, Claudia Casali, alla guida del Museo da febbraio 2011, a raccontare, per il dossier “Faenza è Ceramica” come è strutturato questo Centro culturale in costante dialogo con il mondo e l’arte che lo circonda.

Il Mic, una varietà di culture unica al mondo

claudia casali 2015-mic
Claudia Casali, direttrice del Mic di Faenza dal 2011

Un salto indietro nel tempo, di fiera in fiera: Argillà oggi, l’Esposizione Internazionale allora. La storia del Mic comincia nel 1908, quando a Faenza si tenne l’Esposizione Internazionale dedicata al terzo centenario della nascita di Evangelista Torricelli, scienziato faentino che inventò il barometro: la manifestazione fu un successo e a Faenza confluì un fitto numero di artisti e artigiani che donarono alla città le loro opere ceramiche. Questa donazione costituì il nucleo originario del Museo che progressivamente si arricchì di altri esemplari. Chi svolse maggior opera per la sua costituzione fu Gaetano Ballardini, direttore del Museo fino al 1953 a cui è intitolato l’attuale liceo artistico di Faenza. «Il Museo nasce nel 1908 – racconta Claudia Casali – con l’intento di raccogliere tutta l’arte ceramica del mondo per ogni territorio e per ogni epoca. Già nel 1908 era un progetto innovativo unico al mondo nel suo genere. Attualmente è la più grande collezione al mondo non tanto in termini di numeri, quanto in termini di tipologia. Ci sono al mondo musei, come il Victoria and Albert o altri musei cinesi, che arrivano fino a 250mila pezzi, ma ogni volta che i loro direttori vengono qui rimangono sbalorditi dalla complessità della nostra raccolta». Il Museo attualmente raggiunge oltre 16mila metri quadri espositivi e le sue stanze ospitano pezzi che vanno dal 3.000 a. C. fino ai giorni nostri: opere non solo italiane o europee, ma provenienti da tutte le nazioni del mondo. «Esposti ci sono circa 16mila pezzi su 55mila in continua rotazione, dato che le collezioni cambiano e si aggiornano ogni anno. Molti di quelli conservati in deposito vanno poi in mostre temporanee in giro per tutto il mondo».

“Tutto nasce dal Museo: la ricerca, la formazione, le collezioni”

Angelo Biancini
L’artista Angelo Biancini vinse per la prima volta il Premio Faenza in collaborazione con Anselmo Bucci nel 1946

Un Museo fin dall’origine costantemente in dialogo con ciò che gli accadeva attorno: botteghe, movimenti artistici, culture. Un luogo dal quale apprendere e poi sperimentare. Fin dai primi anni il Museo si è configurato come un importante polo di formazione: attualmente il Mic è il portavoce di un Centro studi identificato nella Biblitoteca già nel 1913 (e che attualmente mette a disposizione 67mila volumi sull’arte e la ceramica), e di una scuola, il liceo artistico Ballardini. «Tutto nasce dal Museo: la ricerca, la formazione, le collezioni – spiega la direttrice – È un ciclo virtuoso che fa sì che gli artigiani riescano ancora oggi a realizzare pezzi in continuo aggiornamento, tenendo presente la tradizione ceramica esposta». A suggellare questo rapporto vivo con l’arte e gli artisti, nel 1938 venne istituito, a carattere nazionale, il Premio Faenza, il primo al mondo dedicato all’arte ceramica. «Nasceva all’inizio con delle tematiche precise, ma c’erano anche sezioni dedicate al design e alle scuole. Con l’apertura del Concorso all’internazionalità nel 1963 arriva a Faenza l’eccellenza mondiale. È soprattutto grazie al Premio Faenza che certi gusti vennero conosciuti e innestati nelle opere degli artisti, grazie alle scelte

La sala conferenze del Mic, dove si tengono ogni anno importanti dibattiti sull'arte
La sala conferenze del Mic, dove si tengono ogni anno importanti dibattiti sull’arte e l’attualità

fatte dal Museo: penso per esempio al ceramista Leandro Lega, il cui stile “orientaleggiante” fu appreso da pezzi visti al Museo». Al Premio Faenza hanno partecipato artisti italiani (come Angelo Biancini, Guido Gambone, Leoncillo Leonardi, Pietro Melandri, Carlo Zauli) e stranieri (Eduard Chapallaz, Sueharu Fukami) che hanno fatto non solo la storia della ceramica del XX secolo, ma anche quella della scultura e della pittura. Ecco allora che un Museo diviene, prima ancora che un luogo istituzionale, un luogo di incontro e scambio fra persone e culture diverse, dove i confini fra il “dare” e “ricevere” sono molto sottili e quasi sfumano l’uno nell’altro, potenziandosi a vicenda.

Il Mic e il “sistema Faenza”

All'interno del Mic sono esposti 16mila pezzi, ma sono 55mila le opere d'arte che costituiscono il patrimonio del Museo
All’interno del Mic sono esposti 16mila pezzi, ma sono 55mila le opere d’arte che costituiscono il patrimonio del Museo e che viaggiano in giro per il mondo

La parola “museo” spesso, nell’immaginario comune, è sinonimo di qualcosa di “vecchio”, “statico”, “ammuffito”. Niente di più lontano dall’immagine che il Mic dà di sé. In tanti, una volta entrati, si sono innamorati di questo Museo, e questo avviene ancora oggi come ha raccontato recentemente l’artista “faentina d’adozione” Elvira Keller. «Negli ultimi anni – spiega Claudia Casali – ho avuto a che fare con molti giovani e tutti quando entrano qui superano questa idea della collezione “statica”, piena di muffa. Questo Museo deve essere considerato sempre un Centro culturale a trecentosessanta gradi, con tante possibilità di ricerca e studio. La ceramica è un linguaggio presente in tutte le culture, è un linguaggio vivo, vario e ricco di tante possibilità. È quello che cerchiamo di trasmettere sia con le collezioni esposte al Mic sia tramite la nuova edizione di Argillà». Internazionalità, apertura al mondo e collegamenti importanti con altri poli di ricerca del territorio: sono queste le chiavi per mantenere ai vertici l’ecosistema ceramico faentino. Oltre alla Biblioteca e al liceo Ballardini, il Mic collabora anche con l’ITS (diploma dedicato alla ceramica attivo da tre edizioni e fondato proprio dal Museo), l’Istec Cnr (l’Istituto di scienza e tecnologia dei materiali ceramici), l’Isia (l’Istituto superiore per le industrie artistiche) e ha un laboratorio di restauro all’avanguardia. «Il Museo è collegato a tutto questo mondo: è il sistema Faenza, che noi dobbiamo trasmettere. L’Italia ha tanti centri importanti della ceramica, ma Faenza si distingue per avere una realtà messa in rete col proprio territorio».

Appendice: Albo d’oro dei vincitori del Premio Faenza

1938 Pietro Melandri
1939 Pietro Melandri
1941 Emilio Casadio Carlo Corvi
1942 Giuseppe Mazzullo
1946 Angelo Biancini Anselmo Bucci
1947 Guido Gambone Opera segnalata in sostituzione al Premio Faenza
1948 Guido Gambone
1949 Anselmo Bucci Guido Gambone Ex aequo
1950 Non assegnato
1951 Non si tenne il Concorso
1952 Antonio Scordia Guerrino Tramonti
1953 Salvatore Meli Carlo Zauli Ex aequo
1954 Leoncillo Leonardi
1955 Carlo Negri Guerrino Tramonti Ex aequo
1956 Germano Belletti Gian Battista Valentini Ex aequo
1957 Angelo Biancini
1958 Carlo Zauli
1959 Guido Gambone
1960 Guido Gambone
1961 Gian Battista Valentini
1962 Carlo Zauli
1963 Fulvio Ravaioli Pompeo Pianezzo Ex aequo
1964 Leoncillo Leonardi Rogier Vandeweghe Ex aequo
1965 Berndt Friberg
1966 Wilhelm e Elly Kuch
1967 Eduard Chapallaz
1968 Hilkka Liisa Ahola
1969 Vlastimil Kvetensky
1970 Goffredo Gaeta Ivo Sassi Ex aequo
1971 Panos Tsolakos
1972 Yasuo Hayashi
1973 Wilhelm e Elly Kuch
1974 Georges Blom
1975 Colin Pearson
1976 Alfonso Leoni Paul Donhauser Ex aequo
1977 Gian Battista Valentini
1978 Mirko Orlandini
1979 Maria Teresa Kuczynska
1980 Guido Mariani
1981 Michael Kuipers
1982 Aki Matsui Toshio
1983 Jo-Anne Caron Devrofy Emidio Galassi Ex aequo
1984 Giuseppe Lucietti
1985 Sueharu Fukami
1986 Non assegnato
1987 Franz Stahler Da ques’edizione, Biennale
1989 Enrico Stropparo
1991 Svetlana Nikolaevna
1993 Tjok Dessauvage Aldo Rontini Ex aequo
1995 Ken Eastman
1997 Michael Cleff
1999 Torbjorn Kvasbo
2001 Anna Cecilia Hilar
2003 Jun Nishida
2005 Silvia Zotta Tomoko Kawakami Ex aequo
2007 Simone Lucietti Ian McDonald Ex aequo
2009 Tomonari Kato Andrea Salvatori Ex aequo
2011 Shigeki Hayashi Eri Dewa/Giovanni Ruggiero Ex aequo
2013 Paivi Ritaniemi Nero / Alessandro Neretti Ex aequo
2015 Silvia Celeste Calcagno Melene Kirchmair e Thomas Stollar Ex aequo

Dossier Faenza è Ceramica

Esperienza e costanza: 50 anni di Bottega Garavini

Il nuovo studio di Elvira Keller: ceramista “faentina d’adozione”

Mirta Morigi: quando tradizione è guardare al futuro

Ceramic & Colours: dove l’industria si sposa con l’arte

Un pensiero riguardo “Claudia Casali racconta il Mic: “Un Museo in dialogo con il mondo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *