Cambiamenti climatici, giardini e parchi: se ne parla a Villa Abbondanzi

Un pomeriggio tra il verde di Villa Abbondanzi, a Faenza, per capire come i cambiamenti climatici stanno influenzando l’ecosistema di giardini e parchi. Giovedì 22 settembre dalle ore 15.30 alle 18.30 il Relais faentino sarà il teatro di “Evoluzioni contemporanee, il giardino che cambia, perché cambia il clima”, iniziativa che si inserisce nell’ambito di “Vivi il Verde“, rassegna promossa dall’Ibc – l’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia Romagna – in programma da venerdì 23 a domenica 25 settembre.

A Villa Abbondanzi 4 relatori sui cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici raccontati per voce di agronomi, metereologici e altri esperti del settore. Per tre giorni l’Emilia Romagna metterà il verde al centro di eventi culturali e quello che si terrà a Villa Abbondanzi avrà l’onore di inaugurare la rassegna attraverso un confronto tra una progettista di parchi e giardini, una fitopatologa e un fisico metereologo. Dalle 15.30 alle 17 si svolgerà la visita guidata al parco di Villa Abbondanzi, mentre dalle 17 alle 18.30 si terrà il dibattito vero e proprio che prevede la presenza di quattro relatori: Carlo Tovoli dell’Istituto beni culturali, Anna Letizia Monti, agronomo del paesaggio, Nicoletta Vai, agronoma fitopatologa e Vittorio Marletto, fisico agrometeorologo dell’Arpae. “Il clima cambia – ha dichiarato l’agronoma Anna Letizia Monti – e ciò implica notevoli mutamenti nella vita e nelle abitudini di tutti gli esseri viventi, siano essi piante, animali e microrganismi. Cambia la percezione delle persone rispetto al globo terrestre, cambiano le abitudini e le necessità di vita. Anche sulle piante ornamentali i cambiamenti climatici determinano notevoli ripercussioni, così come sui giardini, i parchi, le alberate stradali e su tutti gli spazi aperti”.

A fare gli onori di casa sarà Massimo Bucci, presidente gruppo Bucci Industries e titolare Relais Villa Abbondanzi. La giornata si concluderà con un cocktail conviviale. L’evento, completamente gratuito, darà crediti formativi agli iscritti all’albo dei dottori Agronomi e dei dottori Forestali. E’ gradita la prenotazione per una migliore organizzazione del servizio.

Vivi il Verde: dal 23 al 25 settembre

Nella tre giorni di Vivi il Verde sono coinvolti, da Rimini a Piacenza, giardini pubblici, giardini privati aperti al pubblico, giardini storici, parchi, giardini e orti botanici, aree urbane verdi, giardini di ville o di castelli, e persino angoli verdi all’interno di musei. In generale si parlerà di grandi alberi e di natura “da vivere” secondo le modalità più disparate: visite guidate ai giardini, certo, ma anche laboratori, conferenze “sul campo”, percorsi sensoriali, lezioni pratiche, “treewatching”, incontri con chi i giardini li cura e li protegge per mestiere, atelier didattici per i più piccoli, presentazioni di volumi sul tema, visite speciali in “notturna” e all’alba, e tanto altro

Rispondi